fbpx
Home NBANBA News Chris Paul sulla scomparsa di Kobe Bryant: “Non ci credo ancora”

Chris Paul sulla scomparsa di Kobe Bryant: “Non ci credo ancora”

di Federico Ferri

A ridosso dell’All-Star game, Chris Paul ha parlato del valore che Kobe Bryant ha avuto nella sua vita e delle tante volte in cui hanno condiviso il campo, a USA TODAY Sports.  La guardia degli Oklahoma City Thunder ha giocato per ben 7 volte all’All-Star Game con l’ex Lakers, perdendo solo una volta: “Abbiamo perso solo una volta insieme“, ha detto proprio il numero 3.

E’ incredibile, non ci credo ancora“, così CP3 ha parlato dei suoi pensieri dopo la scomparsa di Kobe. “Sto cercando di tenermi impegnato per non pensarci e di andare avanti“. E’ comprensibile quanto sia difficile affrontare tutto ciò per uno come Chris Paul, che sin dalla sua entrata nella lega nel 2005, ha avuto uno splendido rapporto con Kobe, fatto di amicizia e di reciproco rispetto.

Chris Paul parteciperà alla gara di domani sera, ed erano ben 4 anni che non veniva selezionato per l’All-Star game. L’ultimo a cui aveva partecipato si era tenuto a Toronto nel 2016, ed è stato anche l’ultimo della carriera di Bryant: “Entrambi giocavamo con competitività, avevamo un approccio alla partita differente rispetto agli altri.“, ha detto Paul, che sta viaggiando a una media di 17.4 punti e 6.7 assist in questa stagione.

Che stagione i Thunder!

La point guard dei Thunder è sicuramente uno dei fattori che ha portato la squadra di Oklahoma City a competere per un posto ai playoffs. Assieme a Chris Paul si possono notare le ottime prestazioni da parte del nostro Danilo Gallinari (19.3 punti di media), del giovane Shai Gilgeous-Alexander (19.5 punti e 6.1 rimbalzi di media), e del solido sesto uomo Dennis Schroder (19.3 punti e 4.0 assist a partita) tra tutti.

L’ex squadra di Russell Westbrook si trova al momento in sesta posizione nella Western Conference, con un record di 33 vittorie e 22 sconfitte. In pochi avrebbero pensato che i Thunder potessero essere così competitivi questa stagione, soprattutto dopo lo scambio che ha portato il numero 0 ad allontanarsi dalla franchigia in direzione Houston.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi