fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Michael Jordan, Dominique Wilkins e la gara delle schiacciate del 1988: “Nessun rancore”

Michael Jordan, Dominique Wilkins e la gara delle schiacciate del 1988: “Nessun rancore”

di Francesco Schinea

A poche ore dalla gara delle schiacciate 2020, Michael Jordan e Dominique Wilkins fanno un salto nel passato fino all’edizione del 1988, che li vide contrapposti in una delle competizioni più epiche di sempre.

Proprio come quest’anno, anche quel sensazionale evento si svolse a Chicago, nella casa dei Bulls di Jordan, che ne uscì vincitore, in una stagione che concluse anche con il premio di MVP.

“Io rappresentavo Chicago, e volevo farlo nel migliore dei modi: volevo vincere. Ero però a conoscenza del fatto che Wilkins fosse un grande schiacciatore e atleta. Quindi mi sono dovuto inventare alcune cose che sono uniche”, ha detto Jordan in un’intervista rilasciata a The Associated Press.

Nella finale dello Slam Dunk Contest 1988 i due si fronteggiarono con tre schiacciate a testa che avrebbero stabilito il vincitore dell’ambito titolo. Dopo una prima schiacciata perfetta per entrambi (50 punti, il massimo possibile), Dominique Wilkins staccò leggermente Michael Jordan al secondo tentativo con un punteggio di 50 a 47.

Al momento della resa dei conti, Wilkins ottiene “solo” 45 punti da parte dei giudici, mentre MJ piazza un’altro cinquantello, con l’iconica schiacciata partendo dalla linea del tiro libero. Risultato finale di 147 a 145.

“Eravamo avversari e siamo stati protagonisti di tante battaglie, ma lui capì il momento”, ha aggiunto Wilkins. “Tra di noi non c’è rancore. Amiamo il fatto che tutti parlino ancora di quella competizione, perchè siamo consapevoli di ciò che abbiamo realizzato”.

L’attesa è ora completamente rivolta alla gara delle schiacciate di questa notte. A sfidarsi saranno Aaron Gordon, Dwight HowardDerrick Jones Jr. e Pat Connaughton.

Lo stesso Michael Jordan voluto sottolineare la più grande differenza tra ieri e oggi. Oltre al livello dei campioni coinvolti, riguarda soprattutto le tante edizioni ormai trascorse.

“Oggi è tutto molto diverso. Probabilmente è più difficile, perchè devi sempre inventarti qualcosa di innovativo, che la gente non ha mai visto, come saltare su persone, macchine e cose del genere. Noi non abbiamo dovuto farlo perchè si trattava di una delle prime edizioni”.

Intanto ESPN ha annunciato una serie su Jordan da non perdere…

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi