fbpx
Home NBANBA TeamsDallas Mavericks Mark Cuban torna sulla deadline: “Avevamo l’accordo per due grandi nomi, ma è saltato tutto”

Mark Cuban torna sulla deadline: “Avevamo l’accordo per due grandi nomi, ma è saltato tutto”

di Giovanni Oriolo

I Dallas Mavericks, dopo un inizio di stagione sorprendente, sono un po’ calati di prestazione e rendimento. Flessione dovuta, sicuramente all’alto ritmo tenuto fino a dicembre, ma anche agli infortuni di Luka Doncic, rientrato da poco, e di Dwight Powell che resterà invece fuori tutta la stagione.

Per questo, i fan dei Mavs e non, si aspettavano qualche mossa importante prima della trade deadline. Invece, il front office della franchigia texana ha preferito limitarsi a prendere un sostituto per Powell, trovato nella figura di Willy Cauley-Stein arrivato dai Golden state Warriors. Nella giornata di ieri, però, l’eccentrico proprietario del team di Dallas, Mark Cuban, ha affermato che durante la deadline i Mavs hanno cercato di prendere due pezzi grossi, sfuggiti però negli ultimi minuti.

La notizia dei due mancati arriva l’ha data proprio il proprietario dei Mavs, in un’intervista rilasciata recentemente a Shan e RJ di radio 105.3 The Fan [KRLD-FM]. Mark Cuban ha poi aggiunto che in chiusura di trade deadline questi due giocatori sarebbero arrivati da due trade distinte, entrambe da tre squadre, ma che entrambe sono saltate all’ultimo per motivi diversi.

Abbiamo provato a mettere su due trade, oltre a quella che ha portato Cauley-Stein da noi. Siamo arrivati ​​molto, molto vicini a prendere altri due giocatori davvero importanti, ma ci sono sfuggiti negli ultimi minuti. Le trade comprendevano entrambe tre squadre. La prima era un trade-and-extension, ma non siamo riusciti a trovare un accordo che convincesse tutte le parti coinvolte. Il secondo scambio era praticamente chiuso, quando una delle squadre ha cambiato idea e ha deciso di non voler più scambiare uno dei giocatori che erano stati inseriti nella trade. Il motivo che ci hanno dato è che lo ritenevano troppo importante per la loro squadra

Cuban si sbilancia: “Fattore campo e vittoria al primo turno dei playoffs”

Nonostante i due scambi saltati, Cuban è felice per la stagione dei suoi Mavs e ha due richieste da fare ai giocatori, forse un poco esagerate come è nel suo stile.

Il proprietario dei Mavs spera che la squadra possa chiudere la regular season in una posizione che gli garantisca il vantaggio dal campo nel primo turno dei playoffs. Ma, soprattutto, sogna di vincere una serie di post-season, che ai Mavs manca dall’anno del titolo, nel 2011: “Fidatevi di me, penso che questi ragazzi ce la possano fare. Io per primo so bene che non vinciamo un turno di playoffs dall’anno del titolo, nel 2011. Ma proprio per questo vincere una serie di post-season è il nostro obiettivo. Questa è una grande squadra e puntiamo in alto, poi se non ci riusciremo quest’anno ce la faremo il prossimo. Però noi dobbiamo avere bene in mente che siamo già pronti per farlo ora”.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi