fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Clippers Clippers, caso di coronavirus tra i membri dello staff e facility chiusa

Clippers, caso di coronavirus tra i membri dello staff e facility chiusa

di Michele Gibin

I Los Angeles Clippers chiudono la loro facility di allenamento dopo che un membro della spedizione che andrà ad Orlando è risultato positivo al test per il coronavirus. Si tratta di una procedura di sicurezza, i giocatori saranno in grado di tornare ad allenarsi prima della partenza per la Florida, prevista tra 7 e 9 luglio per le 22 squadre.

Non è stato reso noto il nome della persona risultata positiva, e non è noto se si tratti di un giocatore o di un membro dello staff.

I Clippers saranno ad Orlando senza defezioni, dopo che anche Lou Williams, in dubbio fino all’ultimo sul prendere parte al finale di stagione ma che avrebbe deciso di unirsi ai suoi compagni, come confermato da coach Doc Rivers.

Le squadre potranno portare a Orlando uno staff di massimo 35 persone, giocatori completi. Un team ristretto che dovrà comprendere coach, preparatori, pr e addetti stampa e content manager.

I Los Angeles Clippers (44-20) riprenderanno dalla seconda posizione in classifica nella Western Conference, a 5.5 partite di distanza dai Lakers e con una partita e mezza gara di vantaggio sui Denver Nuggets.

La NBA ha comunicato nella giornata di giovedì che sono 25 i giocatori risultati finora positivi al test per il coronavirus, a fronte di 351 tamponi, 10 su oltre 800 test i positivi tra i membri degli staff.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi