fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Coronavirus NBA, Jeremy Lin ed altri in Cina per il riavvio del campionato

Coronavirus NBA, Jeremy Lin ed altri in Cina per il riavvio del campionato

di Tommaso Ranieri

L’emergenza Coronavirus è ormai una realtà che sta coinvolgendo tutto il pianeta, compreso ovviamente il mondo NBA. La lega, infatti, al seguito del dilagare sempre più consistente della patologia, ha saggiamente scelto di sospendere la stagione da diversi giorni. Tuttavia, non per tutti i Paesi è così: in Cina, infatti, il campionato nazionale ha scelto di riaprire i battenti, seppur ancora in una situazione di parziale blocco delle attività. A seguito di tale decisione, diversi sono stati i giocatori NBA che hanno abbandonato gli Stati Uniti.

Coronavirus NBA: chi ha scelto di andare in Cina?

Nello specifico, stando a quanto riportato da Yahoo Sports, uno dei cestisti che ha scelto di volgere il suo sguardo ad Oriente è stato Jeremy Lin, il quale ha annunciato il suo arrivo a Pechino dagli USA, dopo un viaggio durato 40 ore, con un post su Instagram.

Felice di essere a Pechino per la chiusura della stagione CBA. Sono eccitato all’idea di tornare a giocare, mi spiace lasciare la Baia (California, ndr) in questo momento di difficoltà. Il mio pensiero va a tutti coloro che stanno combattendo contro questa malattia

Lin, che in precedenza aveva denunciato Donald Trump per le sue frasi avverso la Cina sulla responsabilità di diffusione del virus, stava vivendo una stagione straordinaria con i Bejing Ducks, prima della chiusura del campionato a gennaio. Nello specifico, l’ex Knicks viaggiava a medie piuttosto elevate (24,2 punti, 5,8 rimbalzi e 5,2 assist).

Ma il campione NBA 2018-2019 non è l’unico che ha scelto di intraprendere la strada del ritorno al basket giocato. Oltre a Lin, infatti, vi sono anche Ty Lawson, Donatas Motejunas, Kyle Fogg, Ekpe Udoh, Lance Stephenson ed altri.  Questi ultimi, infatti, dopo aver abbandonato la Cina al seguito della sospensione del campionato, sono pronti a rientrare, per tornare ad infilarsi nuovamente le scarpe da gioco. Cosa, quest’ultima, alla quale ambisce al più presto anche Jeremy Lin. “Sono pronto a sostenere il necessario periodo di quarantena, in cui nel frattempo mi allenerò. Una volta terminati i 14 giorni, voglio rendere al massimo, realizzando ottime prestazioni“.

View this post on Instagram

Safely landed back in Beijing to finish out the CBA season! Excited to hoop again, but leaving the bay worried and with a heavy heart for the sick, the jobless and all those fighting fear, anxiety and stress over the unknown future. Shoutout to our medical staff in the 50 states for working tirelessly and everyone keep doing your part in slowing the virus! It's been an awesome 2 months camped out in the gym…basketball has never been more meaningful. The world needs basketball now more than ever. I still remember when I went through my toughest moments and worst injuries, you guys were there for me. I hope to return the favor. As all you beloved fans told me the day after my knee injury, keep fighting bc we're #NeverDone ❤️ #14dayquarantine #airportcouchesarenttoobad

A post shared by Jeremy Lin 林書豪 (@jlin7) on

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi