Dejounte Murray è quasi pronto dopo un anno di stop: "Voglio vincere"
141766
post-template-default,single,single-post,postid-141766,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Dejounte Murray è quasi pronto dopo un anno di stop: “Voglio vincere”

dejounte murray

Dejounte Murray è quasi pronto dopo un anno di stop: “Voglio vincere”

Dejounte Murray era stato fermato da un infortunio al legamento crociato del ginocchio destro durante il mese di ottobre di un anno fa. Il tutto era avvenuto durante una partita di pre-season contro gli Houston  Rockets. Si era parlato subito di un lungo stop, come da prassi per infortuni di tale entità, ma i San Antonio Spurs hanno preferito, vista anche la giovane età del ragazzo, lasciarlo ai box quanto più a lungo possibile. Così facendo gli hanno permesso di recuperare al meglio e con calma, senza fretta o ansia di tornare in campo.

Allora, Murray, che compirà 23 anni a settembre, ha sfruttato appieno questa stagione per tornare del tutto in salute in vista della prossima. Ora, come riportato da Jabari Young, per TheAthletic, la point-guard è quasi pronta per il rientro in campo, e mira ad esserlo per il training camp dei suoi.

“Non mi ero mai infortunato prima, prego Dio che non mi accada più. Piansi perché ero consapevole di quanto lavoro, duro lavoro, avevo fatto nella scorsa estate.”

Così il giocatore selezionato dagli Spurs con la scelta 29 del Draft 2016 ha ripercorso le emozioni provate circa 8 mesi fa. Murray si è imposto fin da subito come un pezzo importante del sistema di Coach Gregg Popovich sotto il ferro offensivo e, soprattutto, sotto quello difensivo. Solo nel suo secondo anno nella lega, infatti, si era conquistato un posto nel secondo quintetto difensivo “All-NBA”. Nelle sue prime due annate da professionista ha fatto registrare 6 punti, 4 rimbalzi, 2 assist e 1 palla rubata a notte.

Perderlo è stato senza dubbio un duro colpo per Coach Popovich, che però, come al suo solito, era riuscito ad attuare aggiustamenti in corso d’opera, per sopperire alla sua assenza.

Durante la riabilitazione, il numero 5 di San Antonio ricevette tanti messaggi di auguri, su tutti quelli di un amico molto speciale:

“Lebron mi ha detto solo di stare tranquillo ed essere paziente. Che stavo già lavorando molto.”

Oggi Dejounte Murray è quasi pronto per rientrare, ed è in attesa di farlo:

“Non vedo l’ora di rientrare per il training camp, quando saprò chi saranno i miei compagni di squadra. Sono entusiasta di rimettermi a lavoro. Voglio vincere un titolo, davvero, e voglio che gli altri lo desiderino tanto ardentemente quanto me. Per cui se ci sintonizziamo tutti e puntiamo tutti all’anello possiamo vincere.”

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment