fbpx
Home NBANBA News DeMar DeRozan spiega la sua fuga dai social: “Li odio, ne farei volentieri a meno”

DeMar DeRozan spiega la sua fuga dai social: “Li odio, ne farei volentieri a meno”

di Michele Gibin

DeMar DeRozan spiega la sua “fuga” dai social network, che aveva fatto presagire movimenti di mercato imminenti per la star dei San Antonio Spurs, squadra in crisi dopo 10 sconfitte nelle ultime 11 partite.

Tre giorni fa, DeRozan aveva svuotato per intero il suo profilo Instagram da ogni contenuto, esattamente come successo nel luglio 2018 nelle ore in cui si concretizzò la trade che portò ai Toronto Raptors Kawhi Leonard e Danny Green. Il precedente ha dato ancora più forza ai rumors di mercato sul giocatore, assieme alle difficoltà della squadra ed all’interesse degli Orlando Magic.

DeRozan ha spiegato dopo la partita persa contro i Minnesota Timberwolves: “Non mi piacciono per niente i social media. Non mi sono mai piaciuti, oggi mi piacerebbe essere un giocatore degli anni ’90 e non avere nulla a che fare con quella roba. Lascio che la gente parli, io li odio, personalmente… se non fossero diventati così necessari, oggi, non li avrei“.

I San Antonio Spurs (6-13) sono oggi nel momento probabilmente più difficile della lunga era Gregg Popovich, un periodo delicato iniziato con la rottura con Kawhi Leonard, la star che avrebbe dovuto prendere il posto di Tony Parker e Manu Ginobili e dare continuità alla tradizione vincente degli Spurs.

L’arrivo di DeRozan e l’accoppiata con LaMarcus Aldridge ha garantito a San Antonio lo scorso anno la 22esima partecipazione consecutiva ai playoffs. Oggi, il futuro della squadra di coach Popovich risiede nel talento di Dejounte Murray, di Derrick White, e nei promettenti ma ancora acerbi Lonnie Walker IV (secondo anno da Miami University, ma ancora poco utilizzato da Popovich) e Keldon Johnson da Virginia.

Poco, per pronosticare un futuro competitivo per San Antonio, che oggi poggia ancora sulle spalle del 34enne Aldridge e di DeRozan, e che per la prossima stagione vedrà ancora a libro paga i contratti dei veterani Patty Mills, Rudy Gay e DeMarre Carroll, giocatori già ultratrentenni.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi