fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Embiid si becca col pubblico di Philadelphia, Butler lo “invita”a Miami…

Embiid si becca col pubblico di Philadelphia, Butler lo “invita”a Miami…

di Michele Gibin

Mentre i suoi Miami Heat ritrovano la vittoria dopo tre stop consecutivi, Jimmy Butler trova il tempo di “tentare” l’ex compagno di squadra Joel Embiid, che rimasto a Philadelphia vive oggi un momento delicato con la tifoseria della Città dell’amore fraterno.

I guai fisici non hanno risparmiato il centrone camerunense in queste settimane: il problema alla mano sinistra, che lo ha tenuto fuori per due settimane ed ha richiesto un intervento chirurgico, ed un fastidio al collo che lo ha limitato nelle ultime partite. I risultati magri della squadra non hanno nel frattempo aiutato, così come i dubbi sulla coabitazione tra Embiid e Ben Simmons.

In questo quadro, si potrebbero inserire anche i messaggi di Elton Brand a coach Brett Brown, ed il proclama di titolo NBA dello stesso Embiid, firmato dalle pagine di The Players’ Tribune a gennaio, in un articolo in cui il giocatore ha ricordato la figura del fratello Arthur, ed i tanti infortuni dei primi anni nella NBA

Lunedì i 76ers hanno risolto solo nel finale la partita casalinga contro i Chicago Bulls, grazie anche ad un tiro da tre punti di Embiid a pochi secondi dal termine. Dopo il tiro, la star dei Sixers si è portata il dito indice alla bocca a “zittire” i mugugni del Wells Fargo Center e del pubblico di Philadelphia, storicamente poco tenero sia con gli avversari che con i propri portacolori, quando le cose non vanno.

Gesto non sfuggito a telecamere e social network, e che ha spinto l’ex Sixers Jimmy Butler (fischiatissimo al suo ritorno a Phila a dicembre) a suggerire all’ex compagno di squadra un posto “in cui i cattivi sono i benvenuti“, alludendo a Miami ed agli Heat.

Damn right, my brother“, la risposta di Embiid, che si è però subito premurato di ricondurre l’incidente diplomatico ad una “guasconata”: “Solo amore per la Città dell’amore fraterno (…) sono nato per questo, Phila, se io posso sopportarlo, allora puoi sopportarlo anche tu, PHILA TOUGH!!!“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi