Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBrooklyn Nets Nets, Irving da 48 punti contro i Jazz: “Senza KD? Posso farne 50 a sera”

Nets, Irving da 48 punti contro i Jazz: “Senza KD? Posso farne 50 a sera”

di Michele Gibin
kyrie irving 48 punti vs jazz

Con un secondo tempo da 66 punti e con 48 punti di Kyrie Irving, i Brooklyn Nets trovano la prima vittoria in stagione senza Kevin Durant e spezzano una serie negativa di 4 sconfitte di fila, contro gli Utah Jazz.

117-106 il risultato alla Vivint Arena di Salt Lake City. Kyrie Irving si fa perdonare le ultime uscite sotto tono con una partita da 8 su 15 al tiro da tre punti, e con 11 rimbalzi e 6 assist, l’ex Cavs e Celtics chiude con 18 su 29 dal campo, i 48 punti sono il suo nuovo season high.

Ben Simmons, dopo l’espulsione rimediata appena 24 ore prima contro i Suns, gioca una partita più attenta, resta in campo per 37 minuti e chiude con 6 punti, 9 rimbalzi, 5 assist e 4 palle perse con 4 falli, a supportare Irving con i punti ci pensa Nic Claxton che segna 20 punti con 11 rimbalzi e 8 su 9 dal campo. Per i Nets 18 triple a bersaglio, con Royce O’Neale e Joe Harris, oltre a un Kyrie infuocato.

Brooklyn chiude la partita con un parziale di 34-23 nel quarto periodo, a 8 minuti dal termine il punteggio è ancora sul 92-92 con un canestro di Collin Sexton quando Irving, Claxton e Curry iniziano a scavare un piccolo solco. Utah rientra una seconda volta con Jordan Clarkson e Lauri Markkanen (102-102) ma è l’ultima, Brooklyn termina la partita con un parziale di 15-4 negli ultimi 3 minuti.

Per Irving si è trattata della migliore partita delle 5 finora giocate senza Durant, infortunato. Contro Thunder e Spurs i Nets avevano deluso, la partita a Phoenix era stata un disastro contro una squadra senza Devin Booker e Chris Paul in cui il solo Kyrie, pur tirando male, si era salvato.

Contro i Jazz, per una sera tutti i problemi derivati dall’assenza di KD sono spariti. Buone percentuali, tanto gioco in transizione con Simmons e Irving a spingere e soprattutto più aggressività in attacco. “Io? Ogni sera provo a mettermi nel mio ritmo“, così Irving “Soprattutto nel quarto periodo quando c’è da vincere, penso però che è stato il modo in cui abbiamo iniziato la partita a fare la differenza oggi“.

Kyrie ha poi lanciato una sorta di profezia, imbeccato da un cronista nel post gara, e che uscita dalla sua bocca non può che risultare insondabile, fino a prova contraria: “Se posso segnare più di 40 punti ogni sera (senza durant, ndr)? Non penso che sia una possibilità irrealistica“.

Il numero 11 dei Nets aveva già mostrato nel quarto quarto contro i Suns, in cui aveva segnato 21 punti, di aver ritrovato sensazioni migliori in attacco, e contro Utah lo ha confermato. La stessa aggressività (6 tiri liberi di media nelle ultime 2 partite) occorrerà anche con Warriors e 76ers contro cui i Nets finiranno la loro lunga trasferta. Al rientro a Brooklyn la squadra spera di avere buone notizie da Kevin Durant, le cui condizioni verranno rivalutate tra pochi giorni, la speranza è di ritrovarlo prima della pausa per l’All-Star Game, oppure alla ripartenza sfruttando i 5 giorni di break.

You may also like

Lascia un commento