Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Knicks, Grimes: “Io perso in angolo, non tocco più palla”

Knicks, Grimes: “Io perso in angolo, non tocco più palla”

di Lorenzo Razzetti

L’ennesima prestazione sottotono di Quentin Grimes coincide con l’eliminazione dall’In-season tournament dei New York Knicks per mano dei Bucks. Quentin ha chiuso la gara con 0 punti, sbagliando l’unico tiro preso in tutta la partita. Il giocatore, giunto al suo terzo anno nella lega, sta vivendo un momento di forte difficoltà, specialmente nella fase offensiva. A confermarlo è stato lo stesso Grimes, che recentemente ha dichiarato:

“Mi sembra che, per ogni errore al tiro, esco”, ha detto negli spogliatoi martedì, tramite Daily News. “Quindi ogni tiro che mi prendo è come se pesasse una tonnellata.” Nonostante tutto Thibodeau, anche in seguito alla sconfitta con Milwaukee, al momento non sembra avere intenzione di modificare le rotazioni.

“Guardo la squadra nell’insieme. E quindi, stasera, direi non abbiamo giocato bene, e dare la colpa a Quentin non è giusto”, ha detto Thibodeau. “Non penso che abbiamo avuto qualcuno che abbia giocato davvero bene. Siamo capaci di fare molto meglio. Si vince insieme, si perde insieme. Ci concentreremo solo sul miglioramento e sulla preparazione per la prossima partita”.

Il paragone con la passata stagione

Lo scarso rendimento da parte di Grimes prende una piega anche peggiore se si paragona la sua stagione fino a questo momento con quella precedente. Nel suo anno da sophomore Quentin aveva segnato oltre 11 punti di media con il 38% da tre, guadagnandosi la fiducia del coach che lo aveva premiato con parecchi minuti. Quest’anno, oltre ad essere peggiorato in quasi ogni voce statistica, il giocatore sembra non ritrovarsi nemmeno nel sistema di gioco, sentendosene tagliato fuori.

“È difficile per me giocare quando passo l’intero quarto senza toccare la palla, e poi quando mi predo un tiro e devo segnare”, ha detto Grimes. “Quindi è difficile andare in campo e restare nell’angolo per tutta la partita. Poi devi segnare ed essere in ritmo anche quando tiri la palla una o due volte a partita. È quello che è. Vedremo.”

Sarà meglio per Quentin riuscire a ritrovare fiducia e continuità, visti anche i precedenti di coach Thibs. Basti pensare a Fournier, che da ormai due stagioni è inutilizzato a causa dell’incapacità di sottostare al pensiero di Thibodeau. 

You may also like

Lascia un commento