fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Lakers Lakers, parla Vogel: “Aspettiamo Dwight Howard, JR Smith ci sarà d’aiuto”

Lakers, parla Vogel: “Aspettiamo Dwight Howard, JR Smith ci sarà d’aiuto”

di Michele Gibin

I Los Angeles Lakers hanno perso per strada Avery Bradley, recuperato JR Smith la cui firma è divenuta ufficiale mercoledì, ed attendono la decisione di un altro pezzo importante in uscita dalla panchina, Dwight Howard.

Howard era stato uno dei primi a sposare la linea Kyrie Irving sulla ripartenza della stagione, sostenendo come questa potesse distrarre la società americana dai grossi problemi di giustizia sociale per cui i movimenti di protesta come Black Lives Matter stano manifestando. Howard aveva spiegato le sue ragioni e comunicato che avrebbe atteso prima di decidere.

Coach Frank Vogel si è detto in un incontro via Zoom con la stampa fiducioso che Howard alla fine deciderà di scendere in campo: “Siamo in contatto con lui, via messaggi e chiamate, lo supportiamo. Sappiamo che vorrebbe giocare e speriamo possa raggiungerci“.

Dwight Howard si trova in Georgia con la famiglia, da dove ha sostenuto i test tramite tampone e sierologico richiesti dal protocollo NBA alle squadre che hanno riaperto le loro facility di allenamento. L’ex star degli Orlando Magic ha passato settimane difficili anche a causa della scomparsa prematura della madre del figlio di 6 anni David, che è ora sotto la sua custodia. Coach Vogel ha confermato che i Lakers non intendono sostituire Howard a roster, e che lo aspetteranno.

Lakers, JR Smith avrà la maglia numero 21

JR Smith torna in una squadra NBA dopo oltre un anno e mezzo, ai Lakers vestirà la maglia numero 21 e darà chiamato a sostituire Avery Bradley, che ha rinunciato a giocare a Orlando per motivi personali e famigliari.

La sola esperienza che ci porta, è già un fattore“, così Vogel su Smith “JR è un giocatore da grandi palcoscenici, e lo ha dimostrato tante volte in carriera, eravamo già vicini a metterlo sotto contratto a marzo, quando poi arrivò Dion Waiters, ed ora abbiamo il lusso di averli entrambi. Non gli chiederemo di essere Bradley, lui deve essere JR Smith, sappiamo che potrà esserci d’aiuto“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi