Lakers, Brandon Ingram operato con successo, in campo a settembre
134006
post-template-default,single,single-post,postid-134006,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Lakers, Brandon Ingram operato con successo, in campo per il training camp

Brandon Ingram and Taj Gibson, Los Angeles Lakers vs Minnesota Timberwolves at Target Center

Lakers, Brandon Ingram operato con successo, in campo per il training camp

Lakers, Brandon Ingram si è sottoposto con successo ad un intervento di rimozione di un trombo all’altezza del braccio destro, e sarà pronto a tornare in campo per l’inizio della prossima stagione.

A riportare la notizia gli stessi Los Angeles Lakers, tramite account Twitter ufficiale.

Ingram è stato operato al Ronald Reagan UCLA Medical Center di Los Angeles. Lo scorso 9 marzo, esami specialistici evidenziarono la presenza di un coagulo sanguigno all’altezza del braccio destro per l’ala al terzo anno dei Lakers, che avevano fermato il giocatore in via precauzionale.

In 52 partite disputate in questa stagione, Brandon Ingram ha viaggiato a 18.3 punti, 5.1 rimbalzi e 3 assist a gara, con il 49.7% al tiro in 33.8 minuti d’impiego. Ingram salterà pertanto il resto della stagione 2018\19, al pari di Lonzo Ball, e sarà pronto per la ripresa delle operazioni al prossimo training camp di settembre.

Brandon Ingram, l’agente “Pieno recupero”

Subito dopo l’intervento, Jeff Schwartz, agente di Brandon Ingram, ha parlato delle condizioni del suo assistito. Così a Dave McMenamin di ESPN:

Il problema di Brandon (Ingram, ndr) è dovuto alla sua struttura fisica, piuttosto che – e per fortuna – rispetto ad una condizione ematica. Non ci sarebbe potuta essere evoluzione migliore, date le condizioni, una differenza come quella tra il giorno e la notte rispetto alla seconda ipotesi. Brandon è di buon umore e si riprenderà completamente

L’intervento subito da Ingram è un’operazione abbastanza diffusa tra gli atleti professionisti soggetti a ripetizioni frequenti di un certo gesto atletico, come giocatori di baseball o nuotatori. Il giocatore dei Lakers dovrebbe essere in grado di riprendere l’attività tra 8-12 settimane, senza la necessità di seguire terapie farmacologiche che vadano oltre il periodo stimati di recupero.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment