Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDallas Mavericks Luka Doncic è decisivo nel finale e i Dallas Mavericks rialzano la testa

Luka Doncic è decisivo nel finale e i Dallas Mavericks rialzano la testa

di Michele Conti
Luka Doncic play-in

I Dallas Mavericks si riprendono dopo un inizio di stagione dove la narrativa nei loro confronti non lasciava presagire buone previsioni. Con le vittorie ottenute contro Houston Rockets e Denver Nuggets il record è di quattro vittorie e quattro sconfitte. Si tratta di due successi in fila contro avversari di livello che a fine anno potrebbero trovarsi nuovamente in lotta per un posto in griglia ai playoffs. La spinta decisiva passa ovviamente dall’estro di Luka Doncic. Dopo essere stato bersagliato per una forma fisica ed un rendimento lontano dal suo standard abituale, è tornato a splendere. Nonostante qualche lieve preoccupazione che lo ha tenuto fuori nella dolorante sconfitta contro gli Hornets, ha risposto presente nelle due trasferte. In queste apparizioni Luka Doncic ha registrato una media di 35.5 punti, 12.5 rimbalzi e 12 assist.

La gara con i Denver Nuggets è stata tanto godibile e avvincente quanto equilibrata. Le due squadre si sono date battaglia sino all’overtime dove i Dallas Mavericks hanno avuto la meglio per 124-117. Per Luka Doncic vanno a referto 38 punti, 9 rimbalzi e 13 assist, con il primo ed il terzo dato che sono il massimo in stagione. Si aggiungono anche quattro recuperi, una stoppata ed il 59% al tiro. Le sue cifre ottimali fungono così da traino per il resto dei compagni. Dalla panchina giungono 44 punti preziosi. Il contributo più decisivo arriva da Maxi Kleber. Con il miglior plus-minus di squadra, i suoi 9 punti appaiono esigui ma arrivano nei momenti più importanti della gara e tutti dall’arco. I Dallas Mavericks sono sesti nella lega per maggior numero di tiri da tre punti e affidano a questo aspetto gran parte della loro efficacia offensiva.

Luka Doncic è decisivo nel finale

I Dallas Mavericks hanno recuperato uno svantaggio di nove punti al termine della prima metà di gara. Da quel momento la sintonia e fiducia raccolta è stata la chiave per condurre sino alla fine. In situazioni clutch, Luka Doncic si è dimostrato in totale controllo delle operazioni. La capacità di prendere la giusta decisione in base ad una difesa che si adatta estremamente al suo gioco per limitarlo. Questa tappa fa parte di un percorso di crescita per il ventunenne sloveno. Nella passata stagione la gestione di possessi pesanti ha rappresentato la nota dolente del suo gioco. Un abuso di hero ball che non fruttava risultati positivi.

Come sottolineato di Tim MacMahon di ESPN, in tali circostanze Luka Doncic tirava con il 4 su 15 dal campo e 1 su 10 da tre punti. Inoltre, mai aveva concluso con un assist quando la gara si trovava ad un possesso di differenza con trenta secondi sul cronometro. Nella gara di questa notte, Luka Doncic ha sfruttato l’attenzione calamitata su di sé da due difensori e ha trovato Maxi Kleber aperto per la tripla del vantaggio. Seppur Nikola Jokic dimostrerà ancora una volta perché è un candidato MVP con il tiro del pareggio, al tempo supplementare gli straordinari richiesti ai Dallas Mavericks varranno la partita. Luka Doncic guida il tabellino con 9 punti e il tiro che decreta i vincitori. Uno step-back dalla linea del tiro libero che gli permette di ottenere separazione dal difensore e cinque punti di vantaggio per la sua squadra.

Al termine, è lui stesso a riconoscere il cambio di marcia decisivo per vincere la gara. “Come ho detto nelle ultime due stagioni: impariamo sempre come migliorare in queste situazioni (clutch, ndr). Soprattutto io, perché devo guidare la squadra e farmi sempre trovare pronto. Ognuno in questa squadra ha fiducia nei compagni. Anche se Maxi (Kleber, ndr) avesse sbagliato il tiro, era un ottimo tiro e lo cercherei ancora ogni giorno.” Le lodi giungono anche da Rick Carlisle, che sottintende la sua gratitudine nell’avere in squadra Luka Doncic. “Si assicura che la palla si trovi al posto giusto e al momento giusto. Fa un lavoro incredibile nel coinvolgere i compagni ed allo stesso tempo è in grado di segnare tiri con costanza. Se hai giocatori come Luka Doncic in squadra, puoi sempre essere pericoloso.

I Dallas Mavericks intendono proseguire questo trend di ritorno sul proprio campo. Gli Orlando Magic, privi di Markelle Fultz, si dirigono verso Dallas. Quale miglior modo per attendere persino il ritorno di Kristaps Porzingis se non quello di presentarsi con una striscia di vittorie.

You may also like

Lascia un commento