Home NBA, National Basketball AssociationNBA News OKC prima a Ovest, Holmgren: “Occhi puntati sull’obiettivo”

OKC prima a Ovest, Holmgren: “Occhi puntati sull’obiettivo”

di Mario Alberto Vasaturo

Non succedeva dal 2016 che OKC collezionasse almeno 55 vittorie in stagione regolare e l’ultima volta che hanno concluso come prima testa di serie la stagione regolare, era il 2013. Non disputano una gara di playoffs dal 2019 e solo due anni fa avevano raggiunto appena 24 vittorie in stagione. Un miglioramento continuo per i Thunder, che con i loro 23,9 anni di media, sono diventati la squadra più giovane a guadagnarsi il primo posto in Conference dal 1984, quando il sistema del seeding fu introdotto.

Il rookie di OKC, Chet Holmgren, ha aperto la cerniera della sua felpa nera con cappuccio quando gli è stato chiesto come gli Oklahoma City Thunder hanno festeggiato il raggiungimento di questo gran risultato, sfoggiando la una maglietta blu celebrativa del titolo di campioni della Northwest Division. I Thunder hanno scattato una foto di squadra per commemorare l’occasione dopo la vittoria per 135-86 di domenica sui Dallas Mavericks.

Non direi tanto che sia celebrativa, è più un riconoscimento per di tutto il duro lavoro che abbiamo svolto“, ha detto Holmgren. Non siamo nella posizione in cui ci troviamo per caso. C’è stata molta dedizione e impegno. Ma non stiamo festeggiando, perché non siamo ancora arrivati dove vogliamo arrivare. Quindi, teniamo ancora gli occhi puntati sull’obiettivo.”

Prima dell’ultima giornata, Oklahoma si trovava a pari merito i Denver Nuggets e i Minnesota Timberwolves con 56 vittorie e 25 sconfitte alla guida della Western Conference, prima volta nella storia che succede una cosa del genere. Dopo l’ultima giornata Oklahoma è riuscita a ottenere la prima testa di serie, nonostante avesse lo stesso numero di vittorie dei Denver Nuggets.

È davvero surreale e divertente“, ha detto la superstar dei Thunder Shai Gilgeous-Alexander, nonchè il titolare più anziano di Oklahoma City con i suoi 25 anni. “Penso dipenda dal fatto che abbiamo intaccato qualcosa. Facendolo ogni giorno senza preoccuparci del passato o del futuro, limitarci a giocare al massimo, vedendo dove ci porta, e questa mentalità ci ha permesso di arrivare qui. Quindi, sì, è bello, qualcosa di cui essere orgogliosi, ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.”

Shai che sarà candidato al premio di MVP insieme a Luka Doncic e Nikola Jokic, favorito a vincere il premio per la terza volta in carriera. Mark Daigneault invece, allenatore di OKC, è favorito per il premio di allenatore dell’anno, dopo essere stato candidato anche lo scorso anno.

Non studio tutti i giocatori. Ne vedo uno ogni sera. ha detto Daigneault, riferendosi a Gilgeous-Alexander, che ha registrato una media di 30,1 punti, 6,2 assist e 2,0 palle recuperate a partita. “Non c’è una notte in cui non sento che abbiamo il miglior giocatore in campo. Siamo una delle prime cinque difese e uno dei primi cinque attacchi della lega. È un giocatore completo che contribuisce a entrambe le fasi. Penso che la sua costanza, il suo equilibrio, la sua fiducia abbiano avuto un incredibile effetto su una delle squadre più giovani del campionato, una delle squadre più giovani della storia a realizzare ciò che questa squadra ha realizzato.”

You may also like

Lascia un commento