Paul George: “Amo LA, sono cresciuto guardando Kobe”

di Pierluigi Ninni
La stagione giocata da Paul George può davvero essere considerata nella corsa all'MVP?

Su ESPN, nella seconda puntata dedicata al suo documentario, Paul George parla chiaramente su quello che potrebbe essere il suo futuro. Le sue dichiarazioni lasciano trasparire degli scenari chiari alla vigilia dell’inizio della free-agency, in data 1 luglio 2018.

Paul George sui Lakers

Durante l’episodio, infatti, PG ha ribadito: “Amo LA. Quella √® la mia casa, la mia citt√†. Sono cresciuto l√¨ sia a livello sportivo che a livello professionale, guardando Kobe Bryant¬†e le gesta dei Lakers. Ecco, il mio sogno √® stato sempre quello di poter vestire la maglia giallo-viola pi√Ļ amata di Los Angeles, quella dei Lakers.”

Inoltre, Paul George ha aggiunto sul suo futuro: “Quello che mi interessa non √® il valore del contratto. Prender√≤ quello che merito. L’importante per me, a questo punto della mia carriera, √® lottare per un anello e magari vincerlo. Oltre ai Lakers, inserirei anche i Celtics e i Clippers come possibili opzioni per il mio futuro.”

Presa di posizione decisa quella di Paul George, che sembra mandare un messaggio inequivocabile ai Los Angeles Lakers e alle altre All-Star presenti nel discorso free-agency. PG vuole lottare per il titolo e chissà che, per farlo, non avrebbe in mente un duo o un trio di stelle. Magari nella sua city, the city of palms!

You may also like

Lascia un commento