fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Pelicans, Van Gundy si presenta: “Zion è speciale, giocherà in vari ruoli”

Pelicans, Van Gundy si presenta: “Zion è speciale, giocherà in vari ruoli”

di Dennis Izzo

Da poco insediatosi sulla panchina dei New Orleans Pelicans in sostituzione di Alvin Gentry, passato a far parte dello staff di Luke Walton ai Sacramento Kings, Stan Van Gundy si appresta a ricominciare la propria avventura di head coach in NBA, poco più di due anni dopo la fine della sua esperienza coi Detroit Pistons. Il suo compito sarà quello di portare in alto la franchigia della Louisiana, che ha a roster tanti giovani talenti che hanno già dimostrato di poter dire la loro ad alti livelli.

Su tutti, spicca Zion Williamson, che nella sua stagione da rookie ha messo in mostra il meglio del suo potenziale, pur giocando appena 24 partite in seguito a dei problemi fisici che lo hanno costretto a rinviare l’esordio tra i professionisti. Con medie di 22.5 punti, 6.3 rimbalzi e 2.1 assist col 58% dal campo e il 43% da dietro l’arco, il prodotto di Duke si è piazzato al secondo posto nella corsa al Rookie of the Year, venendo preceduto dal vincitore Ja Morant, point guard dei Memphis Grizzlies.

Selezionato con la prima scelta assoluta al Draft 2019, Zion rappresenta il presente e il futuro dei New Orleans Pelicans, che si aggrappano a lui per diventare competitivi in ottica titolo e mettersi alle spalle l’era di Anthony Davis: qualche settimana prima del Draft, infatti, l’addio di AD, direzione Los Angeles Lakers, aveva gettato nello sconforto i supporters di NOLA, che hanno poi dimenticato l’episodio grazie all’arrivo di Zion e all’esplosione di Brandon Ingram.

Con l’arrivo di un allenatore esperto qual è Van Gundy, che ha atteso a lungo l’occasione giusta per tornare ad allenare dopo due anni trascorsi a fare l’opinionista a ESPN, New Orleans è attesa da quella che potrebbe essere la stagione della svolta, con obiettivo minimo la qualificazione ai playoff, mancata lo scorso anno (record di appena 30 vittorie e ben 42 sconfitte per i Pelicans, che hanno fatto meglio soltanto di Minnesota Timberwolves e Golden State Warriors a Ovest).

Inizia l’avventura di Van Gundy ai Pelicans: è il coach giusto per Zion e Ingram?

Van Gundy, che nel corso della sua carriera ha disputato le Finals con gli Orlando Magic e ha mancato l’accesso ai playoff in sole tre occasioni in quasi dodici stagioni da head coach, è pronto a sfruttare al meglio il talento dei giocatori a sua disposizione, al fine di renderli definitivamente dei fuoriclasse affermati è pronti a competere per traguardi prestigiosi.

“Zion è un ragazzo molto talentuoso, è un abilissimo playmaker nonostante la stazza fisica, è efficace a rimbalzo e sa ripartire molto velocemente in transizione. In area è in grado di segnare anche contro avversari più grossi di lui, insomma ha innumerevoli qualità. Per questa ragione non lo considero semplicemente un’ala o un centro, sono consapevole che possa fare praticamente tutti i ruoli a seconda delle situazioni.”, le parole dell’ex allenatore di Miami Heat, Orlando Magic e Detroit Pistons in merito alla collocazione tattica di Zion Williamson, che nel suo primo anno in NBA ha giocato prevalentemente da ala grande.

“Dovremo cercare di costruire la miglior squadra possibile attorno a Zion, affiancandogli i giocatori più adatti al suo stile di gioco e facendo in modo di non costringerlo a giocare sempre nello stesso ruolo. Lonzo Ball è un giocatore molto intelligente, è migliorato tantissimo anno dopo anno, risollevandosi dopo un inizio di carriera non facile. Il fatto che si stia costruendo un tiro da tre punti affidabile potrà permetterci di allargare il campo e offrire più soluzioni in attacco ai vari Brandon Ingram, Zion e Jrue Holiday.”, ha poi aggiunto Van Gundy, che ha anche paragonato l’inizio di carriera di Lonzo Ball a quello di J.J. Redick (già allenato agli Orlando Magic dal 2007 al 2012), nel corso della sua conferenza stampa di presentazione come nuovo head coach dei New Orleans Pelicans

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi