fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Pelicans, Zion Williamson più pronto che mai: “Sarà uno shock per molti”

Pelicans, Zion Williamson più pronto che mai: “Sarà uno shock per molti”

di Lorenzo Brancati

La ripresa NBA del 30 luglio si avvicina a grandi passi, seppur tra i molti casi positivi degli ultimi giorni, tra le ormai consuete polemiche e tra le più recenti rinunce. Tra le squadre a scendere in campo ci saranno anche i New York Pelicans di Zion Williamson, che sarebbe più pronto che mai, forte della preparazione degli ultimi mesi.

A riportarlo sono Tim Bontemps e Andrew Lopez, per ESPN. Le parole sono quelle di David Griffin, ormai da più di un anno alla guida del front-office dei Pelicans: “Zion è stato molto diligente nel curare il proprio corpo. E’ in ottima condizione sia fisica che mentale.” A suggellare quanto affermato da Griffin, Bontemps riporta anche di una fonte anonima, che assicura come: “Molti rimarranno shockati.”

Insomma, dopo i problemi che lo avevano tenuto a lungo lontano dal parquet, Zion Williamson sembrerebbe ora pronto a guidare i suoi nella rincorsa playoffs di Orlando. L’infortunio al menisco lo aveva relegato ai box per ben 45 gare, prima di tornare in campo per 19 partite, forte di 23.6 punti e 6.8 rimbalzi di media.

Zion Williamson: una risonanza mediatica già importante

Un ulteriore miglioramento di Zion non sarebbe solo un’ottima notizia per i Pelicans, ma per tutta la lega. La popolarità della NBA sta infatti scricchiolando negli ultimi mesi, rea a detta di molti di scelte poco lungimiranti. Ritrovare un giocatore tanto giovane quanto già iconico sarebbe tutto di guadagnato, anche se per le sole 8 gare di stagione regolare rimaste.

Non c’è poi da dimenticare che l’unica speranza di New Orleans di partecipare ai playoffs è quella di agganciare l’ottavo posto, ad oggi distante 3.5 gare. Arrivare ottavi significherebbe incontrare i primi classificati della Western Conference: i Los Angeles Lakers di LeBron James. Un confronto che avrebbe riscontri mediatici non indifferenti anche tra i tifosi neutri. E senza pubblico fisico, il seguito da remoto rappresenterà una fonte economica fondamentale.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi