fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News L’annuncio di Wade: “In arrivo un documentario sul Redeem Team del 2008”

L’annuncio di Wade: “In arrivo un documentario sul Redeem Team del 2008”

di Francesco Schinea

Dopo la serie evento “The Last Dance” gli appassionati di pallacanestro potrebbero in futuro avere la possibilità di vedere un documentario anche sul “Redeem Team” delle Olimpiadi del 2008, almeno stando a quanto dichiarato da Dwyane Wade.

Nel corso del podscast “The Platform”, la leggenda dei Miami Heat ha svelato di essere impegnato in prima persona nella produzione del documentario.

“Stiamo realizzando un documentario sul Redeem Team del 2008. Si tratta di qualcosa su cui stiamo lavorando dallo scorso anno”, ha detto. “Per me il 2008 è stato un grande anno, mi sono riscattato perchè tutti pensavano fossi finito. È stato un periodo fantastico”.

Il 2008 ha rappresentato un riscatto non solo per Wade, ma per tutto il basket statunitense (da qui il nome “Redeem Team”). La nazionale a stelle e strisce era, infatti, reduce da due prestazioni deludenti, i bronzi conquistati alle Olimpiadi del 2004 e ai Mondiali del 2006.

Per l’occasione il Team USA si presentò a Pechino con un roster più che mai agguerrito che poteva contare, oltre che su Wade, anche sulle superstar Kobe Bryant e LeBron James. Il loro “supporting cast” era rappresentato da giocatori del calibro di Chris Paul, Jason Kidd, Carmelo Anthony, Chris Bosh e Dwight Howard, Deron Williams, Carlos Boozer, Tayshaun Prince e Michael Redd.

Sotto la guida di coach Mike Krzyzewski i 12 “della Redenzione” travolsero ogni avversario, fino al 118-107 nella finale contro la Spagna. Grande protagonista del match conclusivo, ma più in generale di tutta la manifestazione olimpica, fu proprio Dwyane Wade.

L’annuncio di Wade su un documentario sul “Redeem Team”, che illustri dunque la rinascita della pallacanestro americana, non può dunque non entusiasmare gli appassionati.

Wade su Bryant: “Kobe a Pechino come Jordan a Parigi”

Wade ha sfruttato l’occasione per parlare ancora una volta di Kobe Bryant, relativamente alla loro esperienza nel corso delle Olimpiadi 2008. L’ex Cavaliers ha messo in luce le capacità linguistiche della leggenda giallo-viola.

“Durante le partite lo vedevamo parlare con gli altri giocatori nella loro lingua e noi non capivamo niente. Quando eravamo nel villaggio degli atleti Kobe viveva una situazione simile a quella di Jordan a Parigi, e sembrava capace di parlare a tutti nella loro lingua”

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi