fbpx

From The Corner #8: MVP Questioning

di Raffaele Camerini

Lasciatemelo dire: Siamo/siete/sono tutti in una buca. Non voglio corroborare la mia posizione all’interno di NBA Passion con questo pezzo che si sta dispiegando sotto i vostri occhi, ma, ve ne prego, dateMi/dateCi/dateVi tutti una calmata. Chi vince l’MVP? Non lo so. Mi interessa realmente chi lo vince? No. Sicuro? Fino al midollo.
Già solo per il fatto che Steve Nash lo ha vinto lo stesso numero di volte di Shaq e Kobe combinati, potrei tirare giu il bandone e girare a doppia mandata la porta. Oddio, tutto il rispetto per Nash, ma non è uno che poi abbia fatto ste cose enormi come 9 titoli NBA e 5 Finals MVP. Bello vedere giocare un bianco di quelle dimensioni a basket, rispetto per la persona e la professionalità dimostrata ma magari uno dei due MVP lo avrei dato ad uno degli altri due citati poco più su.

Westbrook Harden

Westbrook Harden

Vi dico il segreto di Pulcinella, non me ne voglia pure lui che lo disturbo per un argomento così futile: La scelta dell’MVP è solo, soltanto, mega-galatticamente SOG-GET-TI-VA.
Va a base personale.
Si, di una marea di giornalisti ma pur sempre personale è!
Abbiamo una statistica intransigente e golosa che determina un vincitore piuttosto che un altro? NO.
Abbiamo un numero esplicativo e profumato che sancisce il vero vincitore senza ombra del più assoluto dei dubbi? NO AGAIN.
Abbiamo un Oracolo che scinde l’atomo in 4 parti diverse pronta a bearci della sua enorme conoscenza cestistica da interpellare? THREE-PEAT NO.
Io personalmente a chi lo darei? Non a Westbrook. Si vi sto spezzando il cuore e credetemi quando vi dico che pure io osservo con occhio critico questa mia mancanza di fede. Westbrook però ci mette del suo per spaccare i ferri, tirando col 39% dal campo. Vuol dire che il pallone lo ha realmente in mano lui tutte le sacrosante azioni. Su 48 minuti è più abbordabile mettere insieme quelle cifre, finanche una tripla doppia di media. Sarà una piccola cosa ma è una cosa comprovata e comprovabile.

LeBron James

Se dovessi decidere io lo darei ad uno tra James e Leonard semplicemente per il fatto che non hanno sempre il pallone in mano e che, nel primo caso soprattutto, sono il vero motore della squadra! Senza James, per esempio,

Kawhi Leonard

Cleveland non vince una partita (ad ora neanche con..)! Quando invece calca il parquet non sempre ha la palla in mano, anzi. Molti giochi si snodano in soluzioni pro Irving o pro Love. Leonard invece ha le chiavi sia dell’attacco che della difesa di San Antonio e grazie alle sue giocate stanno insidiando il primato nella Western Conference alla Golden State dei magnifici 4.
Dette le mie piccole, misere motivazioni, vi invito ancora una volta a prendere tal corsa in maniera più sportiva possibile. Io mi metto le mani in tasca ed aspetto di vedere chi sarà il vero unico premio degno di essere seguito, ovvero il Most Improved Player, di cui spero un voto unanime: The Joker AKA Nikola Jokic. Poi si ride davvero.

PS: Ringrazio il tizio che mi ha minacciato su Twitter, per via del pezzo scorso dove ho disquisito sul relativismo politico di Donald Trump, locale e non.
Questo signore (anche se un account twitter falso, in se, non ha sesso specifico) evidentemente piccato dalle mie parole ha cercato di intimidirmi spingendomi a smettere di scrivere.
Ora, io sono 2 metri e passa per 100 chili e passa di peso e se nonostante me lo trovassi davanti mi farei ben pochi problemi, ora mi sento in dovere di dire, non solo per me ma per tutti coloro che dedicano del tempo ad una passione, qualunque essa sia, che finchè ci sarà gente che mi chiederà con minacce di smettere di fare una qualsiasi cosa (ovviamente che non grava mai su nessuno in termini fisici), io la continuerò a fare con ancor più caparbietà di prima.
Mai farsi sottomettere da chi ti vuole intimidire. Quello che avete è prezioso, così come quello che siete. Se siete scrittori, scrivete. Se sapete cantare, cantate. Se qualcuno ve lo impedisce, scrivete in fogli più grandi o alzate il volume della voce.
Io sarò sempre con tutti voi.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi