John Wall parla dopo l’operazione al tendine d’Achille: “Ora penso soltanto a riposarmi”

John Wall parla della sua situazione dopo l’intervento al tendine d’Achille. Filtra ottimismo per i suoi tempi di recupero in vista del futuro dei suoi Wizards.

John Wall: “In questo momento la priorità è tornare in perfetta salute”

La rivoluzione in casa Washington Wizards sembrerebbe essere appena cominciata.

Nonostante in queste ultimi giorni di mercato la squadra allenata da coach Brooks ha accolto i suoi nuovi acquisti come Bobby Portis, Jabari Parker e Wesley Johnson; il front-office dei Wizards è rimasto con il fiato sospeso riguardo le condizioni della sua stella John Wall.

Il più grande investimento del team della Capitale ha superato con successo l’operazione al tendine d’Achille effettuata la scorsa notte sempre in quel di Washington, che purtroppo lo terrà lontano dai campi almeno per la prossima stagione.

Stando a quanto riportato in queste ultime ore dal ‘Washington Post‘, il recupero di Wall è stimato intorno agli 11-15 mesi, ma lo stesso giocatore dei Wizards ha deciso che se necessario il suo stop potrebbe essere ancora più lungo.

A confermare l’indiscrezione dell’insider Candace Buckner, sono arrivate infatti le parole dello stesso John Wall a poche ore di distanza dall’intervento al tendine d’Achille.

Ecco le sue parole riportate sempre dal ‘Washington Post‘:

Sono grato allo staff medico dei Wizards per aver accelerato i tempi dell’operazione. In questo momento mi aspettano 4-5 mesi di stop assoluto e poi comincerò con molta calma la mia riabilitazione. Il mio processo ora è costituito da priorità, che bisogna cominciare a selezionare dopo infortuni del genere. In primis l’obiettivo è rientrare in perfetta salute sia nella riabilitazione, sia in campo quando terminerò tutto il processo di recupero. Poi ora voglio soltanto riposarmi. Molti altri giocatori hanno avuto problemi seri di salute dopo infortuni così gravi. Non voglio peggiorare la situazione”.