Rientro Embiid dall’infortunio e Philadelphia schianta Indiana con un sonoro 89 a 106. In uno dei match più cruciali per la classifica nella Eastern Conference, i 76ers risorgono grazie al ritorno in campo del centro camerunense, fermo da quasi un mese. Il lungo è stato autore di una prova assolutamente dominante, come testimoniano i suoi 33 punti e 12 rimbalzi.

Nel post partita, Embiid ha rilasciato diverse dichiarazioni, le quali ben delineano la sua tenacia e la determinazione nel voler aiutare Philly a proseguire il suo cammino verso i playoff.

RIENTRO EMBIID: LE DICHIARAZIONI DEL NUMERO 21

 

Joel-Embiid-festeggiamento
Il lungo del Camerun è a Philly dal 2014, qui con il suo ex compagno Wilson Chandler e Ben Simmons.

In particolare, stando ad ESPN.com, il 24enne sembrava molto teso all’inizio del match, dato che mancava dai campi di gioco da diverso tempo. La partita in questione, poi, era molto importante per il futuro della sua franchigia.

Sentivo che questa era una partita speciale. Dovevamo vincerla per poter sfruttare il fattore campo ai playoffs, e così è stato. Ci sono comunque molte partite davanti a noi e la strada è ancora lunga.

Al suo ritorno sul parquet di casa, il camerunense è stato accolto con una lunga ovazione dal pubblico di casa. Nel dettaglio, l’ex Kansas Jayhawks non giocava da quando, durante l’All Star Game, aveva partecipato alla manifestazione per 23 minuti, salvo poi dover uscire a causa di un fastidio al ginocchio. Il periodo di assenza dalle rotazioni di coach Brown aveva provocato un senso di inquietudine in Embiid, come da lui stesso affermato.

Mi sentivo a disagio. Anche se non c’è stato alcun nesso tra l’All Star Game e l’infortunio al ginocchio, mi sentivo in colpa perché non potevo aiutare la mia squadra. Dopo alcuni test, però, è andato tutto bene e sono contento che le cose si siano sistemate.

Con la vittoria ottenuta contro il team di Indianapolis, Philadelphia sale al terzo posto nella Eastern Conference, davanti proprio a Indiana e ai Boston Celtics, questi ultimi in lenta ripresa. La strada per la definitiva affermazione in questo Est mai così agguerrito è tortuosa e ricca di colpi di scena, ma una cosa è certa: con Embiid, la città dell’amore fraterno può sognare in grande.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.