Tony Parker ritorna a San Antonio. Patty Mills: “Riceverà un grande benvenuto”

NBA Playoff 2018

Tony Parker ritorna questa notte a San Antonio, ma questa volta da avversario. Infatti, dopo 17 stagioni passate nel Texas, coronati da 6 convocazioni all’ all star game, 4 titoli NBA (2003-2005-2007-2014) e un MVP delle finali NBA (2007), durante la ultima offseason, Parker ha deciso di trasferirsi agli Charlotte Hornets, firmando un contartto da $10 milioni per due anni.

Questa scelta ha spiazzato i tifosi di San Antonio, che si aspettavano un ritiro in maglia Spurs, come gli altri due membri dello storico trio, Tim Duncan e Manu Ginobili.

“È un ragazzo speciale”. Ha detto coach Gregg Popovich a Tom Orsborn del San Antonio Express-News. “Mi sono sempre sentito come un secondo padre nei suoi confronti nel corso degli anni, ed è stato come un figlio in tutti i sensi”.

Le sue dichiarazioni si rispecchiano nel comportamento di Parker lo scorso aprile, quando morì la moglie di Popovich. Il veterano si trovava infatti in prima linea ad aiutare il coach e la sua famiglia. Popovich ha in seguito affermato che sarà strano vedere Parker con un altra divisa.

Patty Mills: “Parker riceverà un caloroso benvenuto
Mentre Kawhi Leonard è stato fischiato ad ogni giocata, nella scorsa partita casalinga degli Spurs contro i Raptors, ci si aspetta un’accoglienza diversa nei confronti di Tony Parker. Patty Mills ha infatti dichiarato: “Sta per ricevere un caloroso benvenuto“. Ha detto ad Orbson. La città lo ama, lo ha sempre amato, e lui è entusiasta per il suo ritorno”.
Parker ha giocato 1198 partite con gli Spurs, tenendo una media di 15.8 punti e 5.7 assist a partita.
Anche il 36enne sembra sentire il ritorno a casa, ha infatti detto a Express-News: “Non sarò sorpreso se ci saranno lacrime”. Ha poi continuato: San Antonio sarà sempre casa mia e una grande parte della mia vita. Ma, alla fine, sentivo che gli Hornets mi volevano di più“.
Appuntamento questa notte alle 2.30, ora italiana, all’ AT&T Center di San Antonio.