Home Basket femminile Cuore e difesa: la Reyer incendia il Taliercio ed affonda Schio in G1

Cuore e difesa: la Reyer incendia il Taliercio ed affonda Schio in G1

di Daniele Morbio
La Reyer vince Gara 1 delle finali contro Schio

In una Gara 1 di grande, grandissima energia ed ardore la¬†Reyer¬†azzanna¬†Schio¬†e la manda sotto nella serie finale che assegna lo scudetto. Dopo un avvio di gara molto difficile le ragazze di¬†Mazzon¬†si sono sbloccate grazie alle giocate di¬†Villa, Pan¬†e¬†Shepard, chiudendo i primi 20′ sotto di 3 lunghezze, un vero affare visto e considerato che le orange erano sopra di 10 alla prima sirena. Nella ripresa ancora le tre giocatrici sopra citate e¬†Kuier¬†hanno portato le oro-granata in trionfo per il prezioso e meritato punto dell’1-0 nella serie. Finisce 77-65 al Taliercio davanti ad oltre 2500 spettatori, caldissimi e trascinanti.

Nove le giocatrici in doppia cifra in Gara 1, 5 in casa veneziana e 4 per le scledensi. Kuier, Berkani e Villa migliori marcatrici a quota 15, seguite dai 12 con ben 23 rimbalzi di una dominante Shepard (record di rimbalzi catturati in finale scudetto) e dagli altrettanti punti di una Francesca Pan decisiva. Per coach Dikaioulakos ce ne sono 12 a testa di Parks e Verona ed 11 per il duo formato da Juhasz e Guirantes.

La Reyer batte Schio e vince G1: le chiavi del match

Conquista Gara 1 con merito la¬†Reyer, che risponde al grande avvio di¬†Schio¬†e si invola nel secondo tempo alla conquista del primo punto verso il tricolore. Non riesce alle orange il sacco del Taliercio, con¬†Sottana¬†e compagne che nella ripresa deragliano, finendo per perdere tanti possessi e difendere non bene contro l’energia oro-granata. Sul -10 al 10′ la partita sembrava indirizzata, con le ospiti brave a colpire con freddezza e decisamente pronte nel giocare queste sfide, mentre la tensione ha un po’ frenato le veneziane.

Una tensione che √® stata allontanata dalla capitana, importante con il suo apporto in termini di impatto difensivo e – poi – offensivo, seguita a ruota da¬†Villa¬†e¬†Shepard. Riequilibrato il match con le campionesse d’Italia che hanno comandato il match senza per√≤ spaccarlo, √® cambiato decisamente lo spartito: energia, aggressivit√† e qualit√† messe in campo da¬†Venezia¬†hanno rovesciato l’inerzia, mandando in tilt¬†Schio, pasticciona, arruffona e colpita al cuore dalle giocate in particolare di¬†Villa¬†e¬†Shepard.

A fare la differenza √® la enorme prova a rimbalzo delle padrone di casa, che hanno catturato 11 carambole in pi√Ļ delle viaggianti: nel 44-33 ci sono ben 23 palloni arpionati dalla sola¬†Jessica Shepard (record all-time nelle finali scudetto per rimbalzi conquistati nei 40′), commovente nella sua lotta personale contro due grandi giocatrici come¬†Juhasz e¬†Reisingerova. La lunga ex Sassari √® stata per√≤ aiutata e non poco dalla “mente” lagunare, quella¬†Matilde Villa¬†che pareva in difficolt√† nelle precedenti serie: l’azzurra ha dominato il secondo tempo per personalit√†, qualit√† nell’andare a canestro e nel far segnare le compagne.

Un aiuto in pi√Ļ, una mano in pi√Ļ, uno scivolamento difensivo in pi√Ļ, un tuffarsi una volta in pi√Ļ sul pallone, un canestro in pi√Ļ realizzato nei momenti topici della partita. Era per¬†Francesca Pan¬†la partita numero 200 in maglia oro-granata, una cifra tonda che – logicamente – doveva essere ripagata da una bella, bellissima prova: la capitana ha svoltato difensivamente la partita nella ripresa, guidando le compagne verso la meta. Nave in porto, 1-0 nella serie e messaggio forte mandato: la¬†Reyer¬†fa sul serio.

Da parte orange troppa confusione nei momenti clou, con la sola¬†Sottana¬†a provare timidamente a respingere la fuga lagunare: l’unico sussulto nella ripresa √® stato della capitana di mille battaglie. Tolto il pick and roll centrale e marcate bene le esterne, la squadra di¬†Dikaioulakos¬†ha sofferto l’energia e l’aggressivit√† di una¬†Reyer¬†bravissima nell’incendiare il Taliercio, moltiplicando energie e sforzi. Tanto da lavorare in vista di una Gara 2 che si preannuncia infuocata.

Da segnalare il rientro in campo di¬†Mariella Santucci¬†e¬†Lorela Cubaj¬†in casa oro-granata: la play √® rientrata dopo 8 mesi senza scendere in campo per via del grave infortunio rimediato in agosto nel 3×3 ed ha portato un po’ di aggressivit√† e soprattutto la sua leadership, la lunga azzurra era data per infortunata ed a sorpresa √® tornata in campo, elogiata pubblicamente da¬†Mazzon¬†nel post-game perch√© ha giocato senza aver mai fatto un allenamento dopo l’infortunio di aprile alla mano e dopo aver levato fili/viti nella giornata di ieri. Attaccamento e cuore, un grande messaggio.

TUTTA LA CARICA E L’ENERGIA DI LISA BERKANI

You may also like

Lascia un commento