finali wnba 2023 preview aces liberty

Domenica 8 ottobre alle 21 italiane prenderanno il via le finali WNBA 2023.

Era la sfida che tutti attendevano: Las Vegas Aces contro New York Liberty, i due super team, rispettivamente prima e seconda miglior squadra della lega.

Una serie intrigante e ricca di superstar, che vedrà contrapposte ben cinque prime scelte al draft (A’ja Wilson, Kelsey Plum e Jackie Young per le Aces, Sabrina Ionescu e Breanna Stewart per le Liberty), nonché tutte le MVP delle ultime quattro stagioni: A’ja Wilson (2020, 2022), Jonquel Jones (2021) e Breanna Stewart (2023).

Le Aces, a caccia del bis dopo il successo dello scorso anno, vengono da un ruolino di marcia impressionante in stagione regolare (prime in classifica con un record di 34-6) e approdano alle Finals senza aver perso una gara nella postseason: 2-0 contro Chicago al primo turno e swipe per 3-0 contro Dallas nelle semifinali.

New York, in cerca del primo titolo della sua storia, ha chiuso la regular season al secondo posto (32-8), ma ha dovuto faticare maggiormente per conquistare le Finals. Le Liberty, infatti, hanno superato Washington per 2-0 al primo turno, riuscendo ad imporsi soltanto al supplementare in gara 2, per poi cadere contro Connecticut in gara 1 delle semifinali al Barclays Centre e regolare la pratica nei successivi tre incontri.

Per le Aces è la terza finale in quattro anni, per New York si tratta invece di un atteso ritorno a ventun anni dall’ultima apparizione.

Aces-Liberty i precedenti in stagione

Quest’anno, i due super team si sono affrontati cinque volte: 2-2 il bilancio in stagione regolare, netta vittoria invece per le Liberty nella terza edizione della Commissioner’s Cup.

  • Aces-Liberty 98-81
  • Liberty-Aces 99-61
  • Liberty-Aces 82-63 (Commissioner’s Cup 2023)
  • Aces-Liberty 88-75
  • Liberty-Aces 94-85
new york liberty commissioner's cup wnba 2023

Las Vegas Aces roster e depth chart

  • A’ja Wilson (C)
  • Kelsey Plum (G)
  • Chelsea Gray (G)
  • Jackie Young (G)
  • Candace Parker (C, infortunata)
  • Kiah Stokes (C)
  • Alysha Clark (G-F)
  • Riquna Williams (G, non in squadra)
  • Kierstan Bell (G)
  • Alaina Coates (C)
  • Sidney Colson (G)
  • Cayla George (F)

Las Vegas Aces depth chart

  • PG – Chelsea Gray (Plum, Clark)
  • G – Kesley Plum (Gray, Clark, Young)
  • F – Jackie Young (Clark)
  • F – A’ja Wilson (Clark)
  • C – Kiah Stokes (Wilson)

New York Liberty roster e depth chart

  • Jonquel Jones (C)
  • Breanna Stewart (F)
  • Sabrina Ionescu (G)
  • Courtney Vandersloot (G)
  • Betnijah Laney (G-F)
  • Stefanie Dolson (C)
  • Kayla Thornton (F)
  • Marine Johannes (G)
  • Nyara Sabally (F)
  • Jocelyn Willoughby (F)
  • Han Xu (C, non in squadra)

New York Liberty depth chart

  • PG – Courtney Vandersloot (Ionescu, Johannes)
  • G – Sabrina Ionescu (Laney, Johannes)
  • F – Betnijah Laney (Thornton)
  • F – Breanna Stewart (Thornton, Laney, Dolson)
  • C – Jonquel Jones (Dolson)

Aces-Liberty finali WNBA 2023: le chiavi della serie

C’è grande attesa, dunque, per quella che si preannuncia come una sfida avvincente, sì, ma soprattutto equilibrata. La rivalità tra i due super team ricorda quella tra Los Angeles Sparks e Minnesota Lynx tra gli anni 2016-2017, dove le due franchigie si alternarono alla vittoria del titolo.

Le Aces ambiscono a ripetersi e a costruire una dinastia a Las Vegas, mentre le Liberty, che vantano il record negativo di maggiori partecipazioni alle Finals senza aver mai vinto un titolo, intendono porre fine allo storico digiuno.

Naturalmente, il confronto più atteso è quello tra le due pluri-MVP Wilson e Stewart.

Wilson, MVP nel 2020 e nel 2022, e quest’anno eletta WNBA Defensive Player of the Year, ha imposto il suo gioco durante tutta la stagione, facendo registrare numeri impressionanti: 22.8 punti di media, insieme a 9.5 rimbalzi, 1.6 assist, 1.4 palle rubate e 2.2 stoppate a partita. Sua anche la miglior prestazione offensiva individuale dell’anno, con i 53 punti segnati contro Atlanta.

Eccellente il suo rendimento anche durante i playoffs: 25.8 punti, 11.2 rimbalzi, 1 assist, 1.6 palle rubate e 3.2 stoppate di media. Wilson, al suo sesto anno nella lega, è decisamente nel suo prime, e sembra sostanzialmente inarrestabile.

Stewart, al suo primo anno con le Liberty, e coronata quest’anno MVP per la seconda volta in carriera, ha fatto vedere le solite cose incredibili (ben quattro partite da almeno 40 punti e 919 punti totali), ma è apparsa leggermente più discontinua e imprecisa del solito, soprattutto durante i playoffs (35.6 % dal campo).

Le finali però, sono un altro discorso, e Stewie finora non ha mai perso una serie tra WNCAA e WNBA.

Tutta da gustare anche la sfida in cabina di regia tra Chelsea Gray, MVP delle Finals nel 2022, e Courtney Vandersloot, migliore distributrice della stagione con 8.1 assist a partita.

Altrettanto avvincente il match-up tra tiratrici scelte, capaci di accendersi in un attimo dalla lunga distanza, ovvero quello tra Kelsey Plum, che ha tirato con il 38.9 % da dietro l’arco, e Sabrina Ionescu, 44.8 % da tre, e record di triple segnate in una stagione con ben 128 andate a segno.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da WNBA (@wnba)

Fondamentale, per Las Vegas, anche il contributo di Jackie Young, quest’anno straordinaria da tre con il 44.9 %, e Kiah Stokes, promossa nel quintetto iniziale a causa della prolungata assenza di Candace Parker, e ottima presenza difensiva.

Per New York, Jonquel Jones e Betnijah Laney, specialmente quelle ammirate nella serie contro Connecticut, saranno il fattore X, capace di indirizzare le partite a proprio favore. Jones, straripante fisicamente, dopo un inizio di stagione complicato, sta tornando finalmente ai livelli che l’hanno consacrata MVP nel 2021. Laney, la più continua delle sue in questi playoffs, è stata essenziale con 17 punti di media in sei partite.

Da non sottovalutare l’impatto che la panchina potrà avere in questa serie: le Aces possono fare affidamento su Alysha Clark, recentemente eletta Sixth Player of the Year, mentre New York può fare male con il tiro di Marine Johannès, la difesa di Kayla Thornton e la fisicità di Stephanie Dolson.

Infine, sfida nella sfida anche in panchina per l’interessante confronto tra Becky Hammon, Coach of the Year nel 2022 con Las Vegas, e Sandy Brondello, già vincitrice del titolo nel 2014 con Phoenix, e alla guida di New York per il secondo anno.

È la prima volta che due ex-giocatrici WNBA si incontrano nelle finali in veste di Head Coach. Curiosamente, Becky Hammon indossava proprio la casacca delle Liberty l’ultima volta che New York approdò alle Finals (2002).

Numerosissime, quindi, le chiavi di lettura. Chi porterà a casa il titolo?

L’impressione è che New York, avendo dovuto faticare maggiormente durante il suo percorso, ne sia uscita più rinforzata e pronta mentalmente ad affrontare le sfide che contano. Dall’altro lato, Las Vegas, priva anche di una superstar del calibro di Candace Parker, conta forse su rotazioni più ridotte, ma sa cosa vuol dire vincere.

Una cosa è certa, la sfida tra Aces-Liberty sarà il degno epilogo di quella che è già la stagione WNBA più seguita di sempre.

Dove vedere le finali WNBA 2023 e orario delle partite

  • Gara 1 – Aces vs Liberty, domenica 08 ottobre, ore 21:00 italiane
  • Gara 2 – Aces vs Liberty, giovedì 12 ottobre, ore 03:00 italiane
  • Gara 3 – Liberty vs Aces, domenica 15 ottobre, ore 21:00 italiane
  • Eventuale gara 4 – Liberty vs Aces, giovedì 19 ottobre, ore 02:00 italiane
  • Eventuale gara 5 – Aces vs Liberty, sabato 21 ottobre, ore 03:00 italiane

Tutte le gare si potranno seguire in diretta su Sky Sport NBA. 

You may also like

Lascia un commento