Home NBA, National Basketball AssociationApprofondimenti UnRivaled: il campionato della Collier e la Stewart “contro” la prioritization rule

UnRivaled: il campionato della Collier e la Stewart “contro” la prioritization rule

di Carmen Apadula
Breanna Stewart MVP 2023

Le prioritization rule della lega, che fanno parte del CBA del 2020, prevedono che le giocatrici impegnate all’estero durante l’offseason WNBA tornino entro l’inizio del training camp.

Ma le stagioni di gioco all’estero spesso si protraggono fino a metà maggio, in concomitanza con l’inizio della stagione WNBA.

A questo proposito, Breanna Stewart e Napheesa Collier, hanno dichiarato che stanno fondando una nuova lega femminile, per dare alle giocatrici della WNBA un’altra opzione per l’offseason, una volta che le nuove regole saranno entrate in vigore.

Il nuovo campionato si chiamerà UnRivaled, si terrà da gennaio a marzo e vedrà la partecipazione di 30 delle migliori giocatrici professioniste della WNBA, divise in 3 squadre, che giocheranno partite di basket 3×3 e 1×1.

La Stewart ha giocato per il club turco Fenerbahce la scorsa stagione, e ha detto di aver sempre amato giocare all’estero. Ma con sua moglie, Marta Xargay, in attesa del secondo figlio in autunno, stava già pensando al suo futuro.

È stato allora che ha iniziato a parlare con la Collier e suo marito, Alex Bazzell, della possibilità di fondare una lega femminile negli Stati Uniti, attiva durante il periodo di riposo della WNBA.

“Siamo andati a cena a New York e Bazzell ci ha dato l’idea di far parte di questa lega in cui è come se ci si trovasse su un campo da basket completamente digitale, si giocasse 3×3 o 1×1, ma si guadagna anche uno stipendio fisso, che può crescere” ha detto la Stewart. “Il guadagno deve essere giusto. E credo che UnRivaled stia cercando di fare proprio questo”.

La Collier, invece, ha smesso di giocare all’estero quando ha dato alla luce il suo primo figlio nel 2022, ma questa è stata solo una delle ragioni per cui si è allontanata dal gioco internazionale.

“Sono una persona casalinga per natura. Adoro stare a casa per le vacanze” ha detto. “Stare lontani dalla famiglia per mesi non è facile. Questa è stata la ragione principale per fondare una nuova lega. Poi, la pallacanestro femminile non sta andando nella direzione che vogliamo. Abbiamo fatto tanta strada, ma vogliamo andare molto più lontano”.

La Stewart e la Collier hanno detto di aver messo insieme un team di leader del settore, provenienti da aziende come Twitter, DAZN, WTA e WWE, per aiutare la lega per il lancio a gennaio. 

L’obiettivo è poi quello di raccogliere abbastanza fondi privati e sponsorizzazioni, per fornire alle giocatrici una retribuzione commisurata a quella della WNBA. 

Ciò aiuterebbe poi a compensare i contratti lucrativi esteri, a cui rinuncerebbero a causa delle nuove regole della Lega.

“È una possibilità per le giocatrici di rimanere a casa” ha concluso la Stewart. “Non possiamo continuare a combattere la prioritization rule. Ci toglie la possibilità di scelta, il che non dovrebbe mai accadere, soprattutto per una donna”. 

You may also like

Lascia un commento