Home Eurolega I roster di Eurolega: Maccabi Tel Aviv

I roster di Eurolega: Maccabi Tel Aviv

di Michele Nespoli
Lorenzo Brown Maccabi Tel Aviv

Prosegue il nostro percorso attraverso le squadre che parteciperanno all’Eurolega 23/24. Ieri vi abbiamo presentato il roster del nuovo Anadolu Efes, quest’oggi invece andiamo a vedere il roster del Maccabi Tel Aviv, una delle squadre che nella passata stagione ha sfiorato la qualificazione alle Final Four.

Maccabi Tel Aviv: gli acquisti e le cessioni

Acquisti: James Webb III (SF), Tamir Blatt (PG), Antonuis Cleveland (SG), Jasiel Rivero (PF)

Cessioni: Jalen Adams (PG), Suleiman Braimoh (PF), Yiftach Ziv (PG), Darrun Hilliard (SG), Alex Poythress (PF/C), Jarrel Martin (PF), Guy Pnini (SF)

Il roster completo del Maccabi

Ecco il roster completo del Maccabi Tel Aviv 23/24:

PG: L. Brown, W. Baldwin, T. Blatt 

SG: A. Cleveland, J. DiBartolomeo 

SF: B. Colson, J. Webb III, R. Menco 

PF: J. Rivero, J. Cohen 

C: J. Nebo, R. Sorkin 

Coach: Oded Kattash

I punti di forza e di debolezza

Punti di forza: Senza dubbio la coppia Brown-Baldwin costituisce il perno della squadra: se loro stanno bene e trovano ritmo questo Maccabi può battere chiunque, specialmente quando gioca in casa. Il resto del roster è costruito secondo lo stile di gioco dei due play e il risultato è una squadra che come nella passata stagione corre tanto, oltre ad essere esplosiva e atletica come pochissime. Colson e Nebo sono gli altri due giocatori principali e bisogna anche seguire Sorkin, in caso continuasse a crescere potrebbe diventare davvero un lungo importante. Gli arrivi di Cleveland, Webb e Rivero potrebbero aiutare questo gruppo a fare lo step successivo, sulla carta rientrano tra le squadre che si daranno battaglia per raggiungere i playoff.

Punti di debolezza: Quando si punta così tanto su giocatori estremamente talentuosi ed atletici uno dei problemi principali è la continuità. Questo Maccabi ci ha abituato ad alternare prestazioni sontuose ad altre mediocri, è una loro caratteristica ma che forse nella passata stagione è stata determinante per la mancata qualificazione alle Final Four. Il rendimento fuori casa è inoltre da migliorare, visto che nella scorsa regular season la squadra israeliana ha chiuso con un brutto 5-12 lontano dalle mura amiche. Da capire anche se Cleveland troverà l’intesa con la coppia Brown-Baldwin o meno. 

You may also like

Lascia un commento