Mondiali FIBA 2019: la preview del girone G | Nba Passion
146028
post-template-default,single,single-post,postid-146028,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Mondiali FIBA 2019: la preview del girone G

mondiali 2019 germania

Mondiali FIBA 2019: la preview del girone G

La Cina si prepara ad ospitare i Mondiali FIBA 2019, una manifestazione che per noi europei vuol dire sempre tanto, così tanto da considerarla la competizione più affascinante e prestigiosa a livello di nazionali. La competizione avrà inizio sabato 31 agosto (giorno in cui avrà inizio anche il girone D, ovvero quello dell’Italia), mentre il girone G è uno dei gironi che avrà il via domenica 1 settembre.

fournier assenze team usa

Evan Fournier, uno dei protagonisti di una Francia che punta al podio.

 

 

 

 

 

 

 

Mondiali FIBA 2019: le squadre del girone G

Il girone G dei Mondiali FIBA 2019 sarà composto da Francia, Germania, Repubblica Dominicana e Giordania; andiamo a conoscere più a fondo queste quattro nazionali: la Francia sembra essere una delle migliori squadre dell’intera competizione, dato che può contare su un roster profondo e ricco di talento, con anche tanti giocatori NBA (o ex) a disposizione del calibro di Rudy Gobert, Frank Ntilikina, Nando De Colo, Evan Fournier, Nicolas Batum, Elie Okobo e Vincent Poirier. Il punto debole, se così lo vogliamo chiamare, potrebbe essere nello spot di ala grande, dato che di giocatori che prediligono la posizione di 4 a roster sono attualmente presenti soltanto Amath M’Baye e Louis Labeyrie, che di certo non sono dei giocatori in grado di fare la differenza in una competizione dal livello così elevato. D’altra parte potremmo però vedere Nicolas Batum giocare molti minuti da 4, dato che a livello FIBA le sue doti fisiche ed atletiche glielo possono permettere, oltre ad avere un colosso come Rudy Gobert che di sicuro lo aiuterebbe e non poco nel pitturato. Inoltre il reparto esterni è di altissimo livello, con tanti grandi realizzatori che permetteranno sicuramente a Coach Collet di ruotare tanti quintetti nel corso della partita ma di mantenere ugualmente un livello di pericolosità offensiva altissimo, senza mai calare né d’intensità né di talento.

La Francia è una delle favorite della rassegna cinese

La Germania è invece una delle squadre che potranno giocare senza troppe pressioni addosso, ma che potranno comunque sorprendere nel corso della competizione, visto che godono comunque di ottimi giocatori NBA come Dennis Schroder e Daniel Theis, oltre a Isaac Bonga e Maximilian Kleber ed a tanti buoni giocatori di livello di Eurolega. Ovviamente le redini della squadra le avrà il folletto degli Oklahoma City Thunder Dennis Schroder, un giocatore dotato di una velocità spaventosa e che da fermare potrebbe essere davvero difficile, in quanto riesce ad andare al ferro con grande efficacia. Sotto canestro dovranno farsi valere Daniel Theis, Maximilian Kleber, Johannes Voigtmann e Danilo Barthel su tutti; sono tutti e quattro giocatori di grande stazza ed ottimi rimbalzisti, oltre ad avere anche una buona pericolosità offensiva. Roster di tutto rispetto quello tedesco, il quale proverà ad andare più avanti possibile e regalare una grande gioia alla propria gente.

Riuscirà la Germania a impensierire la forte Francia?

La Repubblica Dominicana proverà ad essere la rivelazione del girone G, anche se ovviamente non sarà semplice data la presenza di due grandi potenze come Francia e Germania. Il roster dominicano può contare sulla presenza di Eulis Baez, ala grande che abbiamo ammirato in Eurolega nella passata stagione con la maglia dell’Herbalife Gran Canaria, che sarà probabilmente il giocatore di punta della propria nazionale. Victor Liz (guardia) ed Eloy Vargas (centro) sono altri due giocatori importanti per la propria nazionale e che hanno disputato una buona preparazione in vista dei Mondiali Fiba 2019. La squadra dominicana predilige un gioco interno per sfruttare i 210 centimetri di Vargas, oltre che sfruttare la pericolosità di Liz in penetrazione o comunque nel giocarsi l’uno contro uno. Non sarà invece al mondiale in Cina l’ex Dinamo Sassari Edgar Sosa, visto che il medico della sua nazionale si è rifiutato di applicare delle fasciature alle caviglie del giocatore (dove ha subito molti infortuni in carriera).

La Giordania è sulla carta la squadra meno attrezzata del girone, con Dar Tucker che è il miglior giocatore dei suoi e che ha chiuso con 22 punti di media le qualificazioni per i Mondiali FIBA 2019; Tucker gioca nella posizione di guardia tiratrice ed è un buon realizzatore, salvo però abusare a volte del tiro da 3 punti (1/9 contro la Nuova Zelanda, dove ha comunque concluso con 25 punti). Un altro buon elemento della Giordania è Mousa Alawadi, altra guardia tiratrice specialista del tiro da 3 punti, in cui ha concluso con 22/52 le qualificazioni al mondiale e con quindi il 42%.

Le gerarchie del girone

Il girone G dei Mondiali FIBA 2019 è sicuramente uno dei più facili da prevedere, con Francia e Germania che non dovrebbero avere problemi nel strappare il pass per la seconda fase della competizione (seconda fase che consiste con un nuovo girone, sempre da quattro squadre). Infatti la Francia dovrebbe qualificarsi come prima, mentre la Germania dovrebbe superare la Repubblica Dominicana e la Giordania e quindi qualificarsi come seconda. Salvo sorprese, la “battaglia” per il terzo posto la dovrebbe spuntare la Repubblica Dominicana e quindi la Giordania sembrerebbe destinata a concludere con zero vittorie il suo mondiale.

 

 

Kevin Martorano
martoranokevin98@gmail.com

Ragazzo di 20 anni ed aspirante giornalista, amo il basket a 360 gradi ed amo scrivere su questo meraviglioso sport.

No Comments

Post A Comment