Mondiali Fiba 2019: la preview del girone I | Nba Passion
146668
post-template-default,single,single-post,postid-146668,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Mondiali Fiba 2019: la preview del girone I

scola e campazzo

Mondiali Fiba 2019: la preview del girone I

La prima fase a gironi dei Mondiali Fiba 2019 è ormai agli archivi e si può tranquillamente dire che questo mondiale cinese ci ha già regalato qualche sorpresa, come ad esempio l’eliminazione contro tutte le attese della Germania nel girone G. Nella seconda fase a gironi di questi Mondiali Fiba 2019 troveremo accoppiati due gironi, con le prime due qualificate di ognuno dei due gironi che si porteranno dietro i punti ottenuti nella prima fase, incontrando le due squadre del girone con cui il primo girone di appartenenza è stato accoppiato. Parlando del girone I avremo probabilmente un girone in cui tre delle quattro squadre si daranno grande battaglia per conquistare un posto tra le magnifiche otto: andiamo a scoprire le squadre che faranno parte del girone I.

Mondiali Fiba 2019: le squadre del girone I

Nel girone I dei Mondiali Fiba 2019 troveremo le prime due classificate del girone A (Polonia e Venezuela) e le prime due classificate del girone B (Argentina e Russia).

La Polonia è una squadra a cui piace tirare dai tre punti, anche se non sempre questa si rivela un’arma efficace per i polacchi, visto che contro la Cina hanno tirato con 5/23 da dietro l’arco ed in generale tranne nella sfida contro il Venezuela. Le stelle della squadra sono Mateusz Ponitka (guardia/ala di 198 cm che gioca nello Zenit San Pietroburgo) ed AJ Slaughter (guardia di 191 cm che gioca nel Real Betis). Ponitka sta viaggiando a 17.3 punti di media, con il culmine nella gara contro la Cina in cui ha segnato 25 punti; Slaughter invece sta avendo qualche difficoltà in più visto che togliendo la partita contro la Cina in cui ha fatto registrare 22 punti, ha avuto due partite da 7, salvo però avere fino a questo momento una media di 4.3 assist a partita. Sotto canestro troviamo invece due lunghi come Balcerowski (218 cm) ed Olejniczak (213 cm) che con la loro incredibile altezza possono causare qualche difficoltà agli avversari che tentano di attaccare il ferro.

 

AJ Slaughter con un canestro che esprime tutto il suo talento offensivo

 

Il Venezuela è invece una sorpresa, dato che in molti vedevano favorita la Cina, che grazie anche al grande tifo dei propri sostenitori avrebbe potuto passare il turno. I venezuelani invece si affidano molto al talento del playmaker alto 186 cm Heisler Guillent che sta viaggiando a quasi 20 punti e 8 assist di media a partita; sono una squadra che oltre a Guillent riesce però a trovare protagonisti diversi in ogni partita, come ad esempio G.Vargas o Pedro Chourio, caratteristica che la rende imprevedibile. Il vero tallone d’Achille di questa squadra è però la mancanza di centimetri sotto canestro, fattore che si potrà far sentire nella seconda fase contro Argentina e Russia.

Passando invece alle squadre provenienti dal girone B di questi Mondiali Fiba 2019, troviamo l’Argentina che guidata dal solito Luis Scola è riuscita ad ottenere il primo posto nel primo girone. Il lungo ex Rockets sta viaggiando a 17 punti e 9 rimbalzi di media a partita, ma ha delle ottime spalle su cui contare: infatti l’Argentina può contare sul talento sublime di Facundo Campazzo e sugli altri giocatori che militano nel campionato spagnolo come Luca Vildoza, Patricio Garino, Gabriel Deck e Nicolas Laprovittola su tutti. Il talento agli esterni dell’Argentina non manca senza ombra di dubbio, ma se Luis Scola dovesse proseguire nel suo incredibile mondiale disputato sino ad oggi l’Argentina è assolutamente in ottime mani.

 

Per Luis Scola gli anni non passano mai: coast to coast e canestro.

La Russia invece è una squadra solida, che si basa sulle prestazioni di Vitaly Fridzon, Andrey Vorontsevich, Mikhail KulaginNikita Kurbanov. In generale, Coach Bazarevich ha fatto affidamento sulla colonia del CSKA Mosca portandosi con se ben quattro giocatori allenati da Itoudis (quindi un terzo del roster). Dovendo fare a meno della loro stella assoluta Alexey Shved, i russi prediligono una pallacanestro a ritmi bassi e ragionata, senza forzare troppo e cercando di spalmare i punti su tanti giocatori del roster senza una vera e propria star. Infatti, oltre ai giocatori già citati, i russi hanno anche un ottimo attaccante come Sergey Karasev che se in serata potrebbe anche risultare decisivo.

Le gerarchie del girone

Il girone I dei Mondiali Fiba 2019 vede avere un grande equilibrio ai nastri di partenza: troviamo Argentina e Polonia che partono a punteggio pieno, di conseguenza potrebbe essere questo a fare la differenza in ambito qualificazione. Nonostante questo però specialmente la Polonia dovrà fare attenzione soprattutto alla Russia, che cercherà di strappare con le unghie e con i denti il pass per i quarti di finale provando a vincere sia con il Venezuela e sia con appunto la Polonia. L’Argentina sembra invece essere la squadra più accreditata per conquistare uno dei primi due posti nel girone I, mentre il Venezuela continuerà ad aggrapparsi al talento di Guillent per proseguire il loro sogno mondiale e rivelarsi la vera Cenerentola dei mondiali cinesi.

Kevin Martorano
martoranokevin98@gmail.com

Ragazzo di 20 anni ed aspirante giornalista, amo il basket a 360 gradi ed amo scrivere su questo meraviglioso sport.

No Comments

Post A Comment