fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationApprofondimenti Bradley Beal è uno dei giocatori più sottovalutati in NBA?

Bradley Beal è uno dei giocatori più sottovalutati in NBA?

di Kevin Martorano

Quella di Bradley Beal è sicuramente, almeno da quanto fatto vedere prima dell’interruzione della stagione, una delle migliori regular season disputate da un giocatore quest’anno. Infatti nonostante una stagione non eccezionale da parte dei suoi Washington Wizards (24-40 il record attuale, che è valso un nono posto nella Eastern Conference), la guardia della squadra di coach Scott Brooks si è senza dubbio messa in mostra positivamente.

Quella di Beal è una stagione da 30.5 punti, 6.1 assist e 4.5 rimbalzi di media a partita, quindi sicuramente una stagione importante in una squadra in cui, complice l’assenza di John Wall, non era facile far vedere buone cose ed affermarsi come uno dei migliori realizzatori della lega. Andiamo a vedere insieme pregi e difetti di Bradley Beal.

Bradley Beal: i punti forti della stella degli Wizards

Bradley Beal, come detto in precedenza, è sicuramente uno dei realizzatori migliori dell’intera NBA, in quanto è dotato di un tiro formidabile e di una rapidità di movimenti eccezionale, che spesso non danno il tempo di reazione al difensore. Inoltre la guardia degli Washington Wizards è dotato anche di un ottime capacità in isolamento, caratteristica che gli permette di risolvere le cose in molte situazioni di gioco rotto nell’attacco della propria squadra. Infatti Beal è in grado di adottare sia la soluzione di palleggio arresto e tiro (sia da tre punti che dalla media distanza), sia di attaccare il ferro in penetrazione e finire con un appoggio al vetro o con una schiacciata, assorbendo anche il contatto da parte del difensore.

Il classe 1993 si dimostra abile ad attaccare il ferro, subendo anche il contatto del difensore.

Beal è sicuramente anche un ottimo tiratore da tre punti, in quanto tira da oltre l’arco con il 38% in carriera e, più in generale, con il 45.2% dal campo. Percentuali davvero buone, visto che si tratta di un giocatore chiamato a prendersi quasi 17 tiri di media a partita in carriera (in questa stagione, per ovvi motivi, addirittura 22.9 di media). Altra caratteristica importante di Beal, è che riesce a prendersi tiri sia in uscita dai blocchi (o sfruttando un blocco da portatore di palla) e sia ricevendo gli scarichi dai compagni (queste due soluzioni molto di più quando al suo fianco c’è un giocatore come Wall), ma come detto in precedenza anche in situazioni di isolamento e quindi dal palleggio.

Infatti Beal è un giocatore che su 100 possessi in carriera segna 109 punti, ma che il suo offensive rating va ad alzarsi di molto se consideriamo solamente le sue ultime quattro stagioni nella lega (e quindi togliendo le prime quattro). Effettivamente, se andiamo ad analizzare le ultime quattro stagioni di Bradley Beal nella lega, notiamo che il suo offensive rating è di 113 (proprio quanto fatto nelle ultime due stagioni), mentre se analizziamo il suo offensive rating delle prime quattro stagioni, notiamo che corrisponde a 102.5. Ben 10.5 punti di differenza quindi.

Da aggiungere al repertorio offensivo di Beal, c’è sicuramente anche la sua capacità di visione del gioco, che gli permette di essere anche un buonissimo passatore. Difatti, come detto in precedenza, anche in questa stagione in cui Beal è sicuramente la primissima opzione offensiva dei suoi, riesce a distribuire più di 6 assist di media a partita. Un dato molto importante, che garantisce il fatto che Bradley Beal non sia affatto un mangia palloni, ma che tende a coinvolgere, quando necessario, anche i suoi compagni di squadra.

Dove deve migliorare Beal?

Bradley Beal è sicuramente uno dei giocatori più sottovalutati della lega, visto che è da ormai qualche anno un’assoluta superstar della lega ed un ottimo realizzatore. Ma quali sono gli aspetti (pochi) su cui Beal deve migliorare? Andiamo a vederli insieme.

La fase difensiva del giocatore degli Wizards è infatti andata a peggiorare nelle ultime quattro stagioni, in quanto è passato dal concedere su 100 possessi circa 106.25 punti ai suoi avversari, a concederne 113.75. Ben 7.5 punti in più sono veramente tanti, se considerato che in questa stagione ne concede addirittura 117 di punti su 100 possessi. La sua difesa potrebbe essere uno degli aspetti del gioco per cui Beal non sia ancora considerato un giocatore di prima fascia nella lega.

Un altro aspetto del gioco in cui Beal può migliorare sono le palle perse: in questa stagione il giocatore degli Wizards perde 3.4 palloni di media; un numero abbastanza alto, ma che può anche essere compreso ed accettato dal suo coach, visto il numero alto di possessi che si trova a dover gestire, ovvero un possesso ogni tre dei suoi di media.

Anche il carattere della guardia di Washington potrebbe rappresentare un problema, visto che non sono mancate nel corso degli anni alcune dichiarazioni fuori posto da parte sua nei confronti dei suoi compagni, oltre al fatto che qualche volta non riesce a controllare il suo nervosismo se viene provocato.

In questa Draymond Green provoca Beal e lui perde la testa.

Infine, un ultimo aspetto in cui Beal lascia a desiderare, è un aspetto nel quale però non potrà mai migliorare: la sua altezza. Infatti Bradley Beal è un giocatore di appena 190 centimetri, altezza senza dubbio sotto la media delle altre guardie nella NBA. Questo aspetto va effettivamente a penalizzare la sua posizione nella lega, visto che le altre guardie potrebbero giocare di fisico contro di lui e tirargli in testa.

Nonostante questi aspetti, riteniamo però che Beal possa essere considerato uno dei migliori venti giocatori della NBA e che sia sicuramente pronto per giocare in una contender, magari di fianco ad un’altra superstar. Quindi, alla domanda con cui abbiamo intitolato questo articolo, la nostra risposta è: “Sì, Bradley Beal è davvero uno dei giocatori più sottovalutati della lega“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi