fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationMercato NBA, ultime notizie su scambi e trattative La situazione di mercato di Bradley Beal: c’è tempo per una trade

La situazione di mercato di Bradley Beal: c’è tempo per una trade

di Michele Gibin

La star degli Washington Wizards Bradley Beal sarà uno degli osservati speciali in questo inizio di stagione, assieme a giocatori come Kevin Love dei Cleveland Cavs, Chris Paul degli Oklahoma City Thunder ed a giovani star come Buddy Hield dei Sacramento Kings e Jaylen Brown dei Boston Celtics, in ottica mercato.

Gli Washington Wizards, oggi seri candidati al poco prestigioso titolo di peggior squadra della lega, non hanno esitato ad offrire a Beal un sontuoso rinnovo da oltre 110 milioni di dollari in tre anni (che scatterebbe dalla stagione 2021\22), proposta cui il prodotto di Florida ha per ora risposto con un diplomatico “ci penserò”, visti anche i due anni di contratto ancora in vigore.

Bradley Beal trade

Bradley Beal

La star degli Wizards non avrebbe alcun motivo di accettare ora, a scatola chiusa, un rinnovo contrattuale a Washington. I primi mesi di regular season serviranno a Beal per intuire la direzione della squadra (la situazione John Wall complica le cose), le potenzialità di giocatori giovani come Rui Hachimura, Troy Brown Jr. e Thomas Bryant, e la gestione di Tommy Sheppard, neo GM della squadra, in un contesto tecnico davvero desolante, salvo sorprese.

La proposta di rinnovo rimarrà li” Così Adrian Wojnarowski di ESPN su Beal “In qualsiasi formato possibile: due anni, tre anni… Gli Wizards non pensano minimamente a muovere Beal oggi, vogliono ricostruire attorno a lui“, concetto ribadito a ripetizione dal proprietario della franchigia Ted Leonsis, sempre molto presente negli affari della sua squadra.

Bradley Beal è oggi uno dei primi 20 giocatori della NBA, la sua situazione contrattuale e l’eta (26 anni) lo rendono il giocatore ideale da aggiungere ad una squadra con ambizioni da titolo NBA. Nei mesi scorsi, la star degli Wizards era stata accostata a squadre come Los Angeles Lakers (prima della rivoluzione Davis), Toronto Raptors e Denver Nuggets.

Nuggets che appaiono oggi l’unica squadra in grado di fare un tentativo serio per Beal: un pacchetto incentrato su giocatori come Malik Beasley, Gary Harris e Michael Porter Jr. potrebbe far vacillare Leonsis e gli Wizards, se non già a febbraio sicuramente durante la off-season 2020, quando la situazione a Washington, che attende il ritorno in campo (in quali condizioni? E quando?) di John Wall, sarà più chiara.

Gli Wizards non cederanno oggi alle pressioni sul mercato di squadre interessate a Bradley Beal, ne tanto meno Beal ricorrerà almeno a stagione in corso a metodi drastici come richieste di trade. Tra un anno però, a stagione conclusa, il terreno per un’offensiva potrebbe diventare molto più adatto.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi