fbpx
Home NBANBA TeamsAtlanta Hawks Gli Hawks mettono gli occhi su Steven Adams: OKC attende offerte

Gli Hawks mettono gli occhi su Steven Adams: OKC attende offerte

di Francesco Catalano

Secondo Chris Kirschner di The Athletic gli Atlanta Hawks sarebbero interessati ad imbastire una trade per Steven Adams. Il lungo australiano andrebbe a rinforzare un roster molto debole e mediocre, persino forse peggiore di quello degli New York Knicks. Con un record di 6 vittorie e 24 sconfitte gli Hawks si ritrovano attualmente all’ultimo posto della Eastern Conference e la stagione pare già ampiamente compromessa.

Il rientro dalla sospensione di John Collins potrebbe essere ormai tardivo. Troppo difficile poter risalire la china da una situazione tanto negativa. Qual è l’obiettivo stagionale quindi? Fare crescere e maturare i giovani? In teoria quello era già il fine della scorsa stagione. Ma ormai la scelta è davvero obbligata.

Come detto, la squadra va ricostruita intorno agli unici due giocatori (al momento uno soltanto) che sanno guidare la squadra: Trae Young e John Collins. Il primo segna una valanga di punti a partita, ma è come un predicatore nel deserto. Dietro di lui c’è il vuoto. Collins rientra proprio ora dopo una sospensione di 25 partite causa doping e, se avesse un po’ di testa, potrebbe essere tranquillamente essere un leader.

E’ innegabile però che intorno a questi giocatori vada creata una squadra. Hunter, Huerter e Reddish (per lui ci sarà ancora tempo per crescere) giocano a sprazzi e non garantiscono affidabilità. E in panchina ci sono tanti veterani, forse troppi: Jabari Parker e il longevo Vince Carter per esempio.

View this post on Instagram

There’s no stopping that… 😳

A post shared by Oklahoma City Thunder (@okcthunder) on

Uno dei problemi maggiori della franchigia risiede nel ruolo di centro dove manca davvero un giocatore che possa definirsi tale. Pierce ha provato in diverse occasioni in quintetto titolare Bruno Fernando, Alex Len e Damian Jones. Giocatori che possono dare il contributo dalla panchina, ma che non possono ricoprire il ruolo di centro titolare.

Ecco che, perciò, gli Hawks hanno messo gli occhi su Adams. L’australiano sta facendo un’ottima stagione con 11.1 punti di media a partita e 9.6 rimbalzi; ma non scopriamo ora il valore di questo giocatore. Al momento si trova al terzo anno di un quadriennale da 100 milioni di dollari. I Thunder attuali nonostante le defezioni estive (vedi Westbrook e George), hanno trovato un mix vincente tra giovani e veterani, e stanno stabilmente in zona playoffs con un record di 15 vittorie e 14 sconfitte.

Un tale avvio di stagione se lo aspettavano in pochi ad Oklahoma e forse non in tanti lo speravano. L’intenzione del GM Sam Presti era chiaramente quella di rifondare da zero con la valanga di scelte al Draft che ha accumulato con gli affari Westbrook e George. L’idea fin dall’estate era quella di scambiare Adams, Gallinari e Paul. E la dirigenza potrebbe pensare di cestinare un accesso ai playoffs e una buona stagione per scambiare i tre veterani ed ottenere altri asset interessanti. Quindi l’affare Adams-Atlanta non è fantascienza. Dipenderà, però, molto anche dalla volontà del giocatore di andare in una squadra che almeno per quest’anno non si gioca veramente nulla.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi