Kawhi Leonard prende tempo, mentre i Knicks hanno rinunciato all'incontro
143199
post-template-default,single,single-post,postid-143199,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Kawhi Leonard continua a prendere tempo, mentre i Knicks hanno rinunciato ad un incontro

Kawhi Leonard continua a prendere tempo, mentre i Knicks hanno rinunciato ad un incontro

Kawhi Leonard si è presentato alla free-agency come uno degli uomini più ricercati in assoluto. Fresco campione NBA e MVP delle Finals con i Toronto Raptors, l’ex San Antonio Spurs avrebbe concesso, ad oggi, un incontro a tre diverse franchigie. Si tratta, come noto ormai a tutti, di Los Angeles Lakers, Los Angeles Clippers e dei canadesi campioni uscenti.

Nella nottata appena passata il giocatore ha incontrato l’organizzazione per la quale ha giocato e vinto nella stagione appena conclusasi. Si trattava dell’ultimo dei tre faccia a faccia sopracitati, al termine del quale in molti attendevano di conoscere la decisione finale del giocatore.

Così non è stato, e anzi, come riporta Jabari Young, The Athletic, questa potrebbe non arrivare prima di qualche giorno. Mentre Jalen Rose, ex giocatore oggi opinionista per ESPN, ha affermato in nottata, con una certa sicurezza, che Kawhi tornerà in Canada con un accordo da due anni, lo stesso reporter di The Athletic avrebbe smentito questa possibilità.

Ad oggi il giocatore è sospeso tra tre opzioni, tutte diverse tra loro. Se i Lakers stanno aspettando la sua decisione prima di muoversi sul mercato, con un roster che ad oggi annovera tra le sue fila solo cinque uomini (Lebron, Davis, Kuzma, Dudley, Daniels), i Clippers e i Raptors possono vantare squadre già strutturate.

Ciò su cui i gialloviola stanno puntando è la possibilità, per Leonard, di accasarsi al fianco di due stelle come Lebron James e Anthony Davis. Con un “big three” di tale caratura, la composizione del roster potrebbe basarsi su giocatori con contratti al minimo, da veterani o con mid-level exceptions. I Clippers, dalla loro, non hanno una vera e propria seconda stella da usare come incentivo per il giocatore, ma un gruppo unito, un buon mix tra giovani ed esperienza e un allenatore capace come Doc Rivers.

I Raptors, infine, punteranno sul convincerlo a confermare quanto di buono fatto meno di un mese fa. Toronto potrebbe fare leva sulla possibilità di un ritorno alle Finals, avendo confermato in blocco il roster vincente e non avendo visto miglioramenti netti di nessuna delle avversarie dirette della Conference.

Leonard, le attese proposte per l’incontro hanno fatto fare un passo indietro ai Knicks

Fin dalle prime ore della free-agency era diventato chiaro che il giocatore avrebbe fatto attendere tutti a lungo. Lo è diventato subito anche ai New York Knicks, quando Kawhi Leonard e il suo entourage avevano fissato con loro un incontro non prima di mercoledì. La franchigia della Grande Mela ha deciso così di fare un passo indietro.

Già prima dell’inizio ufficiale del mercato, era diventato chiaro che i due obiettivi chiave, Kevin Durant e Kyrie Irving, fossero ormai fuori portata. La franchigia, allora, con 70 milioni di dollari di spazio salariale, e con molte speranze infrante, non se l’è sentita di agire come i Lakers e mettere in ghiaccio ogni altra trattativa.

Come riportato da Marc Berman per il New York Post, l’organizzazione, non sentendosi favorita per il giocatore, ha preferito non rischiare. Giungere a mercoledì a mani vuote, dovendo incassare un rifiuto di Leonard, li avrebbe costretti ad operare con quei pochi giocatori rimasti liberi per allora.

I Knicks hanno preferito così puntare a costruire e completare il roster per la prossima stagione nelle primissime ore della free-agency. Solo il tempo potrà dare ragione o meno alla franchigia, in relazione a quella che potrebbe sembrare una decisione controversa.

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment