Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsMiami Heat Miami Heat, Justise Winslow mette a referto una singolare statistica

Miami Heat, Justise Winslow mette a referto una singolare statistica

di Andrea Cosner

I Miami Heat colgono un’importante vittoria al Madison Square Garden, contro dei New York Knicks che sembrano ormai aver gettato al vento le residue speranze di poter accedere ai Playoff 2016. La squadra di coach Erik Spoelstra si è imposta con autorità, rafforzando il quarto posto nella super combattuta Eastern Conference, con il punteggio finale di 81-98.

Le assenza in casa Heat non si sono sentite e la squadra è stata trascinata da un grande Dwyane Wade, che ha messo a referto 26 punti, conditi da 6 assist e 7 rimbalzi. Solide anche le prestazioni di Luol Deng (15 punti con 7/12 al tiro) e Hassan Whiteside, che dalla panchina è esploso con 16 punti e 11 rimbalzi.

Ma la statistica singolare che salta agli occhi guardando i numeri della partita, è quella realizzata dal rookie Justise Winslow. L’ala piccola, selezionata dagli Heat con la decima chiamata assoluta nel Draft dello scorso anno, ha catturato 13 rimbalzi non segnando. Questa è stata la terza prestazione della stagione più significativa da parte di un giocatore che non ha segnato alcun punto. Il 28 Novembre 2015, Bismack Biyombo dei Toronto Raptors ha catturato ben 16 rimbalzi, mentre Tristan Thompson (Cleveland Cavaliers) si è fermato a 15 nella vittoria sui Pelicans del 6 Febbraio scorso.

Solo un altro rookie, negli ultimi 25 anni della storia Nba, ha finito un partita con 0 punti e 13 o più rimbalzi. Si tratta dell’ex Sacramento Kings Jon Brockman, che il 18 Gennaio 2010 catturò 14 rimbalzi a Charlotte.

You may also like

Lascia un commento