fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsCleveland Cavaliers NBA, i quintetti All-Time per Yahoo!: Cleveland Cavaliers

NBA, i quintetti All-Time per Yahoo!: Cleveland Cavaliers

di Simone Scumaci

Yahoo! Sport continua la sua “ricerca” verso i quintetti migliori della storia dell’NBA delle varie franchigie. Per i Cleveland Cavaliers, ecco i cinque starters che riassumono i più di 40 anni di storia della franchigia.

  • Zydrunas Ilgauskas
  • Lebron James
  • Larry Nance
  • Mark Price
  • Austin Carr

C: ZYDRUNAS ILGAUSKAS

“Big Z” arrivò a Cleveland nel 1996: un Bill Walton senza titoli e trofei. Un centro dalle ossa fragili ed una tenuta terribile, che lo portarono a saltare 195 delle 214 partite da inizio 1999 a fine 2001. In quei momenti, però, Ilgauskas lavorò sulla propria tenuta fisica, riuscendo a ricostruirsi e di giocare ancora in NBA: da allora altre dieci stagioni NBA, 13.2 punti e 7.7 rimbalzi di media a partita, la Finals del 2007 e aiutante fondamentale nel rilancio come centro di Anderson Varejao, il vero contender per questo ruolo nel quintetto All-Time dei Cavs.

PF: LEBRON JAMES

Semplicemente il più dominante della sua generazione. Se “the King” LeBron James dovesse continuare su questi ritmi per altri 5-6 anni, allora entrerebbe di diritto in un’eventuale Top 3 di tutti i tempi. Dopo aver lasciato Cleveland senza troppe cerimonie ma con una diretta televisiva che sconvolse tanti Clevelanders, LeBron è tornato a casa ed alla prima occasione, per poco non ha rischiato il colpaccio contro i Warriors. Da sempre molto attivo nella comunità di Cleveland (ha fondato la Lebron James Family Foundation ad Akron, il sobborgo di Cleveland dove è cresciuto), LBJ da Cavs ha una media che in pochi possono dire di avere eguagliato: 27.5 punti, 7 rimbalzi, 7 assist e 2.6 tra stoppate e steals

SF: LARRY NANCE

Il due volte All-Star con la maglia dei Cavs fu il classico acquisto da metà stagione: appena arrivato a Cleveland, Larry Nance mise da parta il suo ego e iniziò a collaborare abilmente in un gruppo come quello dei  Cavs a cavallo tra gli anni ’80 e gli anni ’90 che aveva diversi giocatori di talento. A Cleveland Nance riuscì a togliersi diverse soddisfazioni, riuscendo con la squadra a raggiungere i piani alti della Eastern Conference ed i playoff che, se non fosse stato per i Bulls di un certo Michael Jordan, avrebbero potuto regalare qualche emozioni in più a Nance e i suoi Cavs.

SG: AUSTIN CARR

Austin Carr,  il pilastro degli anni più magri ma anche più promettenti dei Cavaliers. Dal ’70  al ’80, Carr fu uno degli swingman più forti dell’NBA: per tre stagioni oltre i 20 punti di media per partita con i Cavs, riuscì anche ad essere convocato per un All-Star Game

PG: MARK PRICE

Nello smallball moderno, uno come Mark Price avrebbe quasi sicuramente dominato anche oggi. Una guardia dal killer instinct micidiale, Mark Price ha partecipato a quattro All-Star Game mantenendo, in quegli anni, una media di quasi 19 punti ed 8.8 assist, lottando nei playoff negli anni della più complicata East Conference di sempre. Il suo tiro da tre era qualcosa di incredibile: nel suo periodo ai Cavs, Mark Price ha mantenuto una media di oltre il 40% da tre punti.

 

GLI ESCLUSI: DAUGHERTY, VAREJAO E KYRIE IRVING

In un quintetto All-Time ci sono sempre i cosiddetti “illustri esclusi”, ed il quintetto proposto da Yahoo! Sport dei Cavs non è da meno: Daugherty e Varejao nel reparto dei lunghi, Irving tra le guardie.

Brad Daugherty, All-Star NBA per cinque volte, ha giocato tutta la sua carriera a Cleveland: più di 18 punti e 8 rimbalzi di media a partita. Come centro non sarebbe stata una pessima scelta

A proposito di centro, l’attuale centro titolare dei Cavs (quest’anno fuori per diverso tempo per infortunio), Anderson Varejao, in questo quintetto starebbe abbastanza bene. Da quando è diventato il centro titolare dei Cavaliers, Varejao ha mantenuto medie di tutto rispetto: 10.5 punti e 10.4 rimbalzi in cinque stagioni. Un altro dato che però spicca tra le statistiche di Anderson Varejao è, però, quello degli infortuni: 248 partite nelle ultime sei stagioni (playoff del 2010 non calcolati), circa 41 partite a stagione di media.

Kyrie Irving, se continua come in queste stagioni, tra qualche anno in questo quintetto All-Time dei Cleveland Cavaliers ci entrerà di diritto. Quattro stagioni con i Cavs: 21 punti, quasi 6 assist, un Rookie of the Year e tre All-Star Game. Sono dati da fenomeno assoluto… un fenomeno da All-Time Starter.

Per Nba Passion,

Simone Scumaci @Simo_Spaulding

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi