fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsChicago Bulls Scottie Pippen: “Donovan ai Bulls? Non ha mai dimostrato niente”

Scottie Pippen: “Donovan ai Bulls? Non ha mai dimostrato niente”

di Francesco Schinea

La scelta dei Chicago Bulls di puntare su Billy Donovan come nuovo allenatore non sembrerebbe aver riscosso particolare successo, almeno stando a quanto dichiarato da Scottie Pippen. In un’intervista rilasciata a Forbes, la leggenda della franchigia dell’Illinois ha manifestato tutto il proprio scetticismo riguardo l’ex coach Oklahoma City Thunder.

“Non sono entusiasta riguardo la scelta dei Bulls. Non penso che abbiano apportato cambiamenti significativi che influiranno sul loro modo di essere squadra. Questa è semplicemente la mia opinione”, ha detto. “Billy Donovan mi piace come persona ma in NBA non ha dimostrato niente che lo renda un degno investimento da parte di una squadra che ha bisogno di aiuto come Chicago. È una squadra che sta avendo problemi da diverso tempo. Ad OKC non ha fatto niente di così speciale che gli garantisse una seconda occasione”.

I Bulls avevano esonerato lo scorso 14 agosto coach Jim Boylen dopo due stagioni, allenatore mai troppo popolare tra i giocatori e una delle “vittime” del nuovo assetto del front office della squadra. Arturas Karnisovas e Marc Eversley avevano sostituito John Paxson e Gar Forman già nei mesi scorsi. Pochi giorni fa è infine arrivato l’annuncio da parte dei Chicago Bulls riguardante la firma di un quadriennale da 24 milioni di dollari complessivi. “Siamo davvero felici di accogliere coach Donovan e la sua famiglia qui a Chicago. Ciò che pone il coach su un altro livello è il successo che ha ottenuto lungo tutta la sua carriera, e crediamo che la sua capacità di aiutare i giocatori a sviluppare il loro potenziale, sia come individui che come gruppo, possa sposarsi bene col nostro roster“.

Come sottolineato da Scottie Pippen, Donovan non ha effettivamente mai raggiunto traguardi sensazionali, riuscendo comunque a fare spesso un ottimo lavoro con i suoi Thunder. Nel corso delle 5 stagioni ad Oklahoma ha guidato i suoi sempre ai playoff, passando però in un solo caso il primo turno. Da sottolineare tuttavia la stagione 2019/20 al di sopra delle aspettative, conclusasi infatti con la nomination per il premio di Coach of the Year, andato poi a Nick Nurse. L’eliminazione dei suoi in gara 7 contro gli Houston Rockets ha portato le strade di allenatore e franchigia a separarsi, chiudendo con un record di 243 vittorie e 157 sconfitte.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi