Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDallas Mavericks Jokic: “Io e Doncic assieme? Se a Dallas si stanca venga pure”

Jokic: “Io e Doncic assieme? Se a Dallas si stanca venga pure”

di Michele Gibin
jokic doncic

Nikola Jokic ha avuto occhi solo per Luka Doncic all’All-Star Game NBA di Indianapolis appena concluso (per fortuna).

Non in campo, dove Jokic e Luka hanno costeggiato la partita, dove Doncic è riuscito a sbagliare una schiacciata in contropiede e dove il due volte MVP dei Nuggets ha invitato sostanzialmente chiunque a non passargli il pallone. A latere della “partita” però le due star europee hanno dato vita a siparietti più o meno comici, a scherzi e convenevoli dal forte humor slavo.

Prima, Nikola Jokic ha “provocato” Doncic dicendo che se mai esiste “un giocatore peggiore di lui” er l’All-Star Game, quello è proprio Luka “al 100%, è terribile“. Quindi il campione NBA 2023 con Denver ha risposto a una domanda di un giornalista serbo, su un’eventuale partnership con Doncic stesso un giorno nella NBA.

Non so se sia possibile, io non voglio andarmene da Denver per cui se Luka si stanca di stare a Dallas può venire lui qui. I Nuggets sono una grande organizzazione“, ha detto Jokic.

Battute tra colleghi che sono anche conterranei e si conoscono da anni. Sappiamo anche che l’All-Star Game NBA è anche storicamente un luogo e un evento per fare della diplomazia e stringere accordi, basti pensare a come nel 2016 Draymond Green avrebbe messo proprio alla pausa per l’All-Star Weekend a Kevin Durant la proverbiale pulce nell’orecchio sulla possibilitò di andare a giocare ai Golden State Warriors, con anche Stephen Curry e Klay Thomspon. Cosa che è poi avvenuta perché si sono create le condizioni, il KO degli Oklahoma City Thunder di Durant in finale di conference contro Golden State e il salto di quasi 20 milioni di dollari in un colpo solo del salary cap NBA nella free agency 2016 che avrebbe permesso agli Warriors di offrire a KD, free agent, un contratto.

Il cruccio dei Dallas Mavericks nei 6 anni di carriera NBA finora di Luka Doncic è stato mettere una seconda star e costruire una squadra attorno al fuoriclasse sloveno. Nel 2019 era arrivato a Dalla Kristaps Porzingis, un esperimento che aveva dato risultato incoraggianti prima della pandemia nella stagione 2019-20 ma che era naufragato nel 2021. Jalen Brunson era emerso come numero 2 nel frattempo, ma diventato free agent nel 2022 aveva preferito trasferirsi ai New York Knicks, e oggi i Mavs ci stanno riprovando con Kyrie Irving.

Nikola Jokic ha nel frattempo trovato in Jamal Murray il suo partner tecnico ideale a Denver, i Nuggets hanno superato l’infortnio e il lungo stop di Murray e nel 2023 hanno vinto il loro primo titolo NBA della storia.

Ma come sarebbe una coppia Jokic-Doncic in campo? Il serbo sembra uno dei pochissimi giocatori di alto (altissimo) livello adatto a giocare con un dominatore di possessi e ritmo come Luka. A Denver tutto l’attacco passa dalle mani di Nikola Jokic che gioca da “point center” ma Jokic è un giocatore altruista, ben poco interessato alle cifre individuali e alle statistiche, e in questo ricorda grandissimi come Tim Duncan o Larry Bird. In attacco, un pick and roll Jokic-Doncic in qualsiasi modalità sarebbe la cosa più immarcabile mai vista, due creatori di gioco simili creerebbero tiri ad alta percentuale per tutti e attirerebbero raddoppi continui, che sarebbero in grado di punire con intelligenza.

Il miglior scenario ideale sarebbe una versione all’ennesima potenza di quello che sono stati agli Utah Jazz John Stockton e Karl Malone, e se vogliamo scomodare il gotha, Shaquille O’Neal e Kobe Bryant ai Los Angeles Lakers. Tra i due, chi dovrebbe mostrare più volontà di condivisione sarebbe Luka Doncic.

You may also like

Lascia un commento