Rockets ko di misura coi Warriors, Harden e Capela: "Nessun problema, è solo una sconfitta", Rivers: "Vogliamo batterli ai playoff"
133782
post-template-default,single,single-post,postid-133782,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Rockets ko di misura coi Warriors, Harden e Capela: “Nessun problema, è solo una sconfitta”, Rivers: “Vogliamo batterli ai playoff”

finali di conference NBA Sky Sport 2

Rockets ko di misura coi Warriors, Harden e Capela: “Nessun problema, è solo una sconfitta”, Rivers: “Vogliamo batterli ai playoff”

Si conclude la serie di vittorie in fila per gli Houston Rockets, che non riescono a centrare il decimo successo consecutivo, fallendo uno sweep stagionale contro i Golden State Warriors che manca dal 2009-2010: al Toyota Center, infatti, i campioni in carica si impongono per 106-104, soffrendo nel finale ma riuscendo comunque a portare a casa una preziosissima vittoria per tenersi stretto il primo posto nella Western Conference.

Dopo aver incassato un parziale di +10 in favore degli ospiti (33-23) nel primo quarto, i padroni di casa rispondono a tono nel secondo, portandosi alla pausa lunga sotto di sole due lunghezze (54-52). Nel terzo quarto i Warriors sembrano in grado di archiviare la pratica, ma i Rockets rientrano alla grande nel finale e cancellano la doppia cifra di svantaggio, riaprendo il discorso negli ultimi minuti del quarto periodo.

L’ottima reazione dei Razzi arriva nonostante una serata decisamente negativa al tiro da oltre l’arco (27% con 11/41), mentre tra le file di Golden State – priva dell’infortunato Kevin Durant – si segnalano la miglior prestazione stagionale di DeMarcus Cousins, autore di 27 punti, 8 rimbalzi, 7 assist e 2 recuperi col 69% dal campo (11/16), e l’ottimo apporto di Klay Thompson, miglior realizzatore dei suoi con 30 punti col 52% al tiro (12/23) e il 50% dalla lunga distanza (5/10). A fare la differenza è anche e soprattutto la lotta a rimbalzo: 44-31 per i Warriors, di cui 12-5 offensivi.

Harden e Capela non fanno drammi, Rivers con la testa ai playoff

James Harden

James Harden, 29 punti e 10 assist contro i Warriors: il Barba non è preoccupato per il ko risicato.

Bene anche Stephen Curry, che mette a referto 24 punti, 5 assist e 2 palle recuperate nonostante una serata sottotono al tiro (40% dal campo con 8/20 e 33% da dietro l’arco con 3/9). Per gli Houston Rockets, James Harden va in doppia doppia con 29 punti, 10 assist e 3 recuperi, Chris Paul fa registrare 24 punti, 6 rimbalzi e 3 assist col 58% al tiro (7/12) e Eric Gordon ne mette 17 con 6/12 dal campo e 3/7 da tre. Oltre a loro si mette in mostra Clint Capela: per lui la solita doppia doppia, con 13 punti e altrettanti rimbalzi.

Interpellato in merito alla sconfitta, Harden è apparso tutt’altro che preoccupato: “Tutto ok, è tutto a posto. Lo sappiamo che abbiamo perso, ma per fortuna torneremo in campo già venerdì per riscattarci. Si tratta soltanto di una sconfitta.”, ha dichiarato il Barba. “Sono una grande squadra. Stanotte hanno vinto di due punti soltanto perché sono stati più bravi di noi in alcuni aspetti. Hanno fatto un gran lavoro, appena migliore del nostro. Nessun problema: siamo 3-1 nella serie in questa regular season”, ha commentato Clint Capela.

Austin Rivers, invece, parla della possibilità di incrociare i Warriors ai playoff: “Vogliamo affrontarli, che si tratti di semifinali o finale di Conference. Fin quando non li battiamo loro restano i campioni in carica e i favoriti per il titolo, a prescindere da quante volte li batti in regular season, per cui credo che la sconfitta ci abbia dato una lezione che di certo impareremo.”

Dennis Izzo
dennisizzo13@icloud.com
No Comments

Post A Comment