fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Alvin Gentry preoccupato per la partenza dei suoi Pelicans: “Allarme rosso”

Alvin Gentry preoccupato per la partenza dei suoi Pelicans: “Allarme rosso”

di Valentino Aggio

Falsa partenza per i New Orleans Pelicans di Alvin Gentry. Nelle prime quattro partite stagionali sono arrivate per i Pels quattro sconfitte, nonostante il buon basket giocato, e con la scusante dell’assenza della star Zion Williamson. La prima sconfitta è arrivata in casa dei campioni in carica, i Toronto Raptors, ai supplementari per 122-130. Seconda e terza sconfitta arrivano invece rispettivamente contro i Dallas Mavericks e gli Houston Rockets. Tutte le prime tre partite sono state davvero tirate, i Pelicans hanno accumulato appena 18 punti di scarto nelle sconfitte. Oltre all’assenza di Williamson, i Pelicans erano orfani di Jrue Holiday nella partita contro i Rockets.

Le cose non sono andate così nella partita della scorsa notte contro i Golden State Warriors, persa per 134-123. La squadra capitanata da Steph Curry aveva perso le prime due partite stagionali con uno scarto totale di 47 punti, e la sconfitta di lunedì ha portato così la squadra di coach Gentry ad un record di 0-4. Nonostante il risultato, queste sono le parole di Alvin Gentry:

Ho pensato durante la partita: se uno guarda al risultato potrebbe pensare sia stata una partita combattuta, non è stato così. Non siamo mai stati in partita. Non abbiamo mai avuto la possibilità di vincere la partita, ed è la cosa che più mi turba, soprattutto se giochiamo in casa.

Il coach dei Pelicans ha poi aggiunto: “Nelle prime tre partite abbiamo giocato bene ed abbiamo avuto la possibilità di vincere”. Oltre alle assenze pesanti di Holiday e Williamson, contro Golden State mancava anche Derrick Favors. Senza il lungo ex Utah Jazz, i Pelicans hanno faticato non poco, soprattutto sotto le plance: Golden State ha preso 72 rimbalzi totali, contro i 52 di New Orleans. Gentry commenta questa statistica: “Questa non è una loro caratteristica. Hanno faticato sotto questo aspetto gli ultimi cinque anni, è stato solo un caso”.

L’ex Los Angeles Lakers Brandon Ingram è partito alla grande in questa stagione: 27.2 punti, 9.5 rimbalzi e 4.8 assist nelle prime quattro partite. Il prodotto di Duke ha messo a referto 27 punti contro i Golden State Warriors, dopo la gara ha parlato dei problemi a rimbalzo difensivo dei suoi Pelicans:

Prendere il rimbalzo, correre in contropiede, non permettere che gli avversari segnino punti su secondo tentativo è stata una nostra debolezza in queste partite. Siamo un gruppo totalmente nuovo, dobbiamo rimanere uniti e non fare passi indietro. Abbiamo il talento per vincere le partite, abbiamo i giocatori giusti. In partita ci siamo scoraggiati un po’ perché la palla non entrava, ma visto il nostro gruppo non ci scoraggeremo più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi