fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBoston Celtics Celtics-Raptors, Boston butta via la partita e fa rientrare Toronto nella serie

Celtics-Raptors, Boston butta via la partita e fa rientrare Toronto nella serie

di Francesco Catalano

I Boston Celtics perdono gara 3 contro i Toronto Raptors per 104 a 103 per 5 decimi di secondo e gettano nella spazzatura una vittoria che molto probabilmente avrebbe chiuso la serie.

Per i Raptors la gara giocatasi stanotte era praticamente un ultimatum: vincere o soccombere. Per i Celtics era l’occasione per dare il cosiddetto colpo di grazia agli attuali campioni in carica. La partita infatti si è giocata su questi binari: con Toronto che cercava di essere più aggressiva delle due precedenti gare 2 e Boston che faceva la sua solita partita.

Questa volta per i canadesi dopo le tante critiche subite ci ha pensato il capitano Kyle Lowry a tenere a galla i suoi con 31 punti e 13 su 23 dal campo. Nel secondo quarto, però, i Celtics hanno dato un’accelerata ed hanno accumulato un piccolo vantaggio per il secondo tempo. Tuttavia, coach Nurse negli ultimi due quarti di gioco ha tirato fuori l’arma tattica della zona che ha tolto qualche punto di riferimento agli uomini di Stevens facendone inceppare l’attacco.

Nel quarto quarto le due squadre si sono date battaglia punto su punto. L’inerzia sembrava ancora una volta dalla parte dei biancoverdi che però non sono riusciti a colpire definitivamente alla giugulare gli avversari. Nel possesso finale Kemba ha messo a segno una giocata delle sue: passaggio immaginifico per Theis che schiaccia e a 0.5 secondi dal termine porta i Celtics sul +2.

Sembra fatta, ma sulla rimessa Boston fa la frittata. Tacko Fall con le sue lunghissime leve cerca di coprire Lowry, che però trova uno spiraglio ed un libero OG Anunoby a causa di una errata lettura dello stesso Theis. Jaylen Brown deve così scivolare verso di lui repentinamente, ma non fa in tempo. Anunoby, freddissimo, mette la tripla sul gong e regala una vittoria fondamentale alla sua squadra.

E’ stato un finale di partita veramente terribile” ha detto Jaylen Brown. “Non c’era nessun modo in cui avremmo potuto perdere quella partita. Mi prendo la responsabilità. Non per quella giocata, ma per molte altre anche prima. Questi sono gli NBA playoffs”.

Forse il 23enne dei Celtics è anche troppo duro con sé stesso. E’ difficile colpevolizzarlo dopo l’ottima partita che ha giocato sia in attacco (con i suoi jumper dalla media distanza) sia in difesa con una marcatura asfissiante su Pascal Siakam.

C’è stato un problema di comunicazione” ha continuato. “E loro hanno fatto una giocata grandiosa. Dato che siamo una squadra unita, una cosa così non può succedere. Dobbiamo davvero comunicare meglio in campo. Non possiamo concedere quella tripla alla fine della partita. Ha fatto un tiro delizioso, ma la colpa è stata nostra.

Una frittata che fa tutta la differenza del mondo per le due squadre. I Celtics così hanno gettato al vento la possibilità di chiudere la serie e, in più, hanno fatto rientrare, anche psicologicamente, i Raptors che ora avranno tanto più birra in corpo in vista di gara 4 che si giocherà sabato notte.

Sono davvero una grande squadra” ha commentato coach Brad Stevens a fine partita. “Sono tosti e intelligenti. Entrambe le squadre hanno giocato al loro meglio stanotte. Fa male perdere così, ma ci faremo trovare pronti sabato”.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi