DeRozan sui Raptors: "Molto felice per loro, voglio essergli di supporto"
139105
post-template-default,single,single-post,postid-139105,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

DeRozan sui Raptors: “Felice che siano in finale, sono rimasto in contatto con loro”

derozan sui raptors

DeRozan sui Raptors: “Felice che siano in finale, sono rimasto in contatto con loro”

Demar DeRozan, stella dei San Antonio Spurs, ha detto la sua sui Raptors, la sua ex squadra ora impegnata nelle finali della Eastern Conference contro Milwaukee Bucks.

L’ex guardia dei Raptors ha mostrato il suo sincero effetto verso gli ex compagni di squadra, senza alcun tipo di rimorso.

DEROZAN SUI RAPTORS: LE ULTIME DICHIARAZIONE DEL GIOCATORE DEGLI SPURS

Il numero 10 degli Spurs in azione contro i Denver Nuggets, contrastato da Jokic

Stando a quanto affermato dal nativo di Compton a Cari Champion di ESPN, il 29enne ex Toronto ha candidamente ammesso di nutrire molto rispetto e affetto per la compagine canadese.

Parlo con tanti miei ex compagni ai Raptors almeno una volta a settimana. Non ho affatto intenzioni malevoli in questo, provo solo amore per quella realtà cestistica. Ho grande rispetto per gli Spurs e sono felice qui, ma non mancherò mai di rispetto al mio vecchio team. Voglio essergli di supporto, perché so che il bene che viene fatto torna sempre indietro

Atteggiamento molto maturo, dunque, quello dimostrato dal 4 volte All Star, sopratutto alla luce della trattativa della scorsa estate che portò Kawhi Leonard nel grande Nord, in cambio proprio di DeRozan. Un DeRozan che rimase all’epoca deluso dal trattamento ricevuto dalla sua ex squadra, la quale, per bocca del presidente Masai Ujiri, gli aveva assicurato solo pochi giorni prima che non sarebbe mai stato scambiato.

Aldilà dei dissapori insanabili creatisi tra la dirigenza del team canadese e il suo ex pupillo, comunque, il rapporto instauratosi tra quest’ultimo ed ex compagni e tifosi non potrà mai essere cancellato del tutto. A titolo di esempio, basti pensare alla standing ovation a lui riservata, nell’ultima trasferta dei San Antonio Spurs a Toronto. Un talento del genere, del resto, non può essere dimenticato tanto facilmente, sebbene la nuova stella della squadra, Kawhi Leonard, lo stia sostituendo in maniera più che egregia.

Tommaso Ranieri
tommi-ranieri@hotmail.it

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

No Comments

Post A Comment