fbpx
Home NBANBA TeamsDetroit Pistons Derrick Rose vuole vincere con i Detroit Pistons: “Di premi personali ne ho…”

Derrick Rose vuole vincere con i Detroit Pistons: “Di premi personali ne ho…”

di Michele Gibin

La stagione della rinascita sportiva di Derrick Rose ha fruttato in estate al più giovane MVP della storia della NBA un biennale da 15 milioni di dollari ai Detroit Pistons, squadra con propositi di migliorarsi dopo il (fugace) ritorno ai playoffs nel 2019, ed in cui l’ex Twolves troverà una situazione tecnica a lui congeniale.

Rose, che compirà 31 anni venerdì 4 ottobre, occuperà i minuti riservati lo scorso anno al sesto uomo dei Pistons Ish Smith, oggi agli Washington Wizards. Coach Dwane Casey ha dichiarato pochi giorni fa che Rose e Reggie Jackson, la point-guard titolare della squadra, potranno persino giocare assieme in alcune situazioni.

Derrick Rose è da tempo venuto a patti con la sua nuova dimensione di sesto uomo, di leader delle second unit delle sue squadre, e che in poco più di 20 minuti a partita possa servire da realizzatore e creatore di gioco secondario. Nella scorsa stagione, Rose fu uno dei migliori sesti uomini della lega, in una squadra che gli garantì fiducia e minuti.

Detroit? Il mio ex agente Arn tellem (oggi vice presidente dei Pistons, ndr) mi ha parlato bene della città negli ultimi due anni, mi ha chiesto: come ti sembra l’idea di vivere a Detroit? (…) oggi cerco soprattutto un posto dove possa giocare ed avere le mie opportunità. Di premi ne ho già vinti in passato

Ora l’unica cosa che manca alla mia carriera è un titolo NBA” Spiega l’ex Bulls al Media Day dei Detroit PistonsEd essere qui, e giudicando da cosa hanno combinato i Toronto Raptors lo scorso anno, non si sa mai cosa potrà accadere“. I Detroit Pistons partiranno con l’intenzione di migliorarsi, la presenza di due All-Star come Blake Griffin e Andre Drummond si è dimostrata sufficiente per raggiungere la post season ad Est.

Derrick Rose con Luka Doncic

Reggie Jackson si è definito “in forma come mai prima d’ora” dopo alcune stagioni problematiche, i Pistons si attendono segnali di crescita da Luke Kennard (terzo anno da Duke e selezionato alla dodicesima chiamata, appena prima di Donovan Michell degli Utah Jazz…), Thon Maker e Bruce Brown Jr, dopo una positiva prima annata.

A garantire esperienza ed attacco ci sarà anche Joe Johnson, che ritorna nella NBA dopo un anno sabbatico.

Ai Pistons, Rose avrà la possibilità di giocare con Blake Griffin, suo collega di draft nel 2007: “Derrick è ancora un grande giocatore“, Così Griffin “In suoi anni a Chicago furono speciali, ed ancora oggi è uno dei personaggi più importanti in questo sport. Ancora oggi si può vedere quanta gente lo segua e lo apprezzi, sarà un grande acquisto per noi

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi