fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Lakers Lakers, il no di Dwight Howard: “Niente basket fino a quando le cose non si risolveranno”

Lakers, il no di Dwight Howard: “Niente basket fino a quando le cose non si risolveranno”

di Federico Ferri

Il centro dei Los Angeles Lakers Dwight Howard ha voluto a esprimere i suoi pensieri riguardanti la ripresa del campionato NBA.  Il numero 39 ha spiegato in un comunicato diffuso dalla CNN di credere che la NBA possa essere fonte di distrazione da ciò che sta succedendo ora negli Stati Uniti, con le proteste contro razzismo e violenze della polizia.

Concordo con ciò che ha detto Kyrie Irving. Il basket è qualcosa di cui non abbiamo bisogno in questo momento, e sarebbe solo una distrazione“, ha detto Howard. “Certamente non distrarrebbe noi giocatori, ma questo perché possediamo risorse che la maggioranza delle persone non dispone. E anche la più piccola distrazione potrebbe portare a una serie di eventi disastrosi che potrebbero non finire mai. Specialmente vedendo il clima che c’è in questo momento“.

Non c’è niente che io non desideri di più di vincere un titolo NBA, ma l’unità della mia gente vale di più di un anello”. Con anche queste parole, l’ex giocatore dei Magic e dei Rockets (tra tutte le altre squadre), ha voluto rimarcare il fatto che la comunità di colore americana sta vivendo un periodo davvero difficile. “Non c’è momento migliore di adesso per stare con la propria famiglia. Questa è un’opportunità che, credo, che noi come comunità dovremmo trarre il miglior vantaggio possibile. E’ qui che la nostra unità comincia, a casa, con la famiglia“.

Un periodo difficile per Dwight Howard

Howard nelle ultime settimane ha affrontato la notizia di un gravissimo lutto riguardante la sua famiglia.

Melissa Rios, 31 anni, madre di uno dei suoi cinque figli (David, di 6 anni) è deceduta lo scorso marzo a causa di un attacco epilettico. Oltre al lutto, Howard ha dovuto affrontare, come tutti, la pandemia causata dal COVID-19 e, in questi ultimi giorni, le proteste della comunità nera sul suolo americano. Non un bel periodo per il giocatore dei Lakers che però non demorde continuando a lottare, qualsiasi cosa accada.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi