Gilbert Arenas: "Perché Vince Carter gioca ancora? Largo ai giovani"
145650
post-template-default,single,single-post,postid-145650,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Gilbert Arenas: “Perché Vince Carter gioca ancora? Largo ai giovani”

gilbert arenas vince carter

Gilbert Arenas: “Perché Vince Carter gioca ancora? Largo ai giovani”

Anche la NBA ha la propria versione dei vecchi che occupano i posti riservati a giovani, almeno secondo il Gilbert Arenas-pensiero.

L’ex stella degli Washington Wizards, ed oggi cannoniere massimo degli “Enemies” che furoreggiano nell’estiva BIG3, la lega di 3 vs 3 fondata da Ice Cube, ha un’opinione articolata sebbene un poco “embedded”, di parte, sulla decisione del 42enne Vince Carter di continuare a giocare.

Carter affronterà di nuovo con gli Atlanta Hawks la sua 22esima stagione NBA, stagione che lo renderà il giocatore NBA più longevo della storia. Un obiettivo importante per uno dei giocatori più celebri dell’ultimo ventennio di pallacanestro USA, un simbolo della lega sportiva più ricca e famosa al mondo al pari dei suoi contemporanei Kobe Bryant, Allen Iverson, Kevin Garnett e della generazione successiva (quella di LeBron James, Kevin Durant, Steph Curry, James Harden).

Arenas rispetta la figura dell’eminente Vince, ma in un articolo di Chris Kirchner di The Athletic obietta sull’opportunità dell’ex stella di Toronto Raptors e New Jersey Nets di continuare a giocare nonostante i tanti giocatori giovani oggi alla ricerca di un posto nella NBA.

Siamo onesti: un allenatore ha Vince Carter e poi ha questo ragazzo” Così Gilbert Arenas “Quell’allenatore sceglierà sempre Carter, perché il suo 5% sarà probabilmente meglio del 100% del ragazzo, almeno in termini di esperienza e conoscenza del gioco, e quel ragazzo non avrà una chance nonostante il suo talento“.

Quando sei l’ultimo della panchina o il primo dei tagli, guardi ad un giocatore come Carter e pensi: ‘E’ meglio di me?’. Vince ha già dato, diamo spazio a qualcun altro e diamogli la possibilità di diventare il nuovo Vince Carter. Vince dovrebbe essere su un panchina in veste di allenatore, o in un ufficio di una squadra NBA, e non occupare un posto a roster. Ci sono ragazzi di 27 anni nella BIG3 che meritano una chance NBA. Perché non sono nella NBA? Sia chiaro, mi piace il fatto che Vince voglia ancora giocare, ma mi metto nei panni dei ragazzi perché ci sono passato anche io

Gilbert Arenas diventò a Washington un All-Star dopo due anni ad alto livello ad Arizona, e dopo essere stato selezionato al secondo giro al draft NBA 2001. Dopo una serie di infortuni alle ginocchia ed il noto incidente del dicembre 2009 con l’allora compagno di squadra Javaris Crittenton, la carriera NBA di Arenas deragliò.

Dal 2018, l’ex Wizards è uno dei volti della BIG3, lega che annovera tanti ex giocatori NBA (Joe Johnson, Nate Robinson, Glen Davis, Amar’e Stoudemire, Carlos Boozer, Jason Richardson e Corey Maggette alcuni nomi).

Vince Carter ha fatto segnare durante la stagione scorsa alcuni record e traguardi di longevità, superando Reggie Miller al 20esimo posto della classifica marcatori ogni epoca, diventando il sesto giocatore della storia NBA per tiri da tre punti realizzati in carriera, e superando Karl Malone al quinto posto per partite NBA giocate in carriera.

Ciò che il ragazzo in panchina o appena tagliato penserà è: cosa ci fa (Carter, ndr) ancora qui? Il coach non mi fa giocare perché c’è lui, che non ha più nulla da chiedere alla sua carriera” Chiude Arenas.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment