Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDenver Nuggets Nuggets, è di nuovo “Bubble Jamal Murray” in gara 2: “Finalmente”

Nuggets, è di nuovo “Bubble Jamal Murray” in gara 2: “Finalmente”

di Michele Gibin
jamal murray gara 2 nuggets timberwolves

Devono vincere due volte la partita i Denver Nuggets, in gara 2 della serie contro i Minnesota Timberwolves che riescono con Anthony Edwards e Mike Conley a rimontare uno svantaggio di 20 punti e se la giocano nel finale ma perdono per 122-113.

Jamal Murray torna in formato “bolla 2020” con 40 punti, probabilmente la sua miglior partita stagionale. Per il forte giocatore canadese una prova da 6 su 10 al tiro da tre e anche 5 assist, Nikola Jokic per una volta non termina in doppia doppia ma segna 27 punti con 9 rimbalzi e 9 assist, impregnato dalla buona difesa contro di lui di Rudy Gobert. Michael Porter Jr, limitato dai falli per tre quarti di gioco, si scalda nel quarto periodo ed è decisivo per respingere i Twolves, con 16 punti.

Minnesota è riuscita a rientrare dal -20 con un terzo quarto da manuale, con un parziale di 40-23 che li aveva messi addirittura avanti nel punteggio (85-82) prima di una provvidenziale tripla di Murray a 50 secondi dal termine della frazione. Anthony Edwards è esploso con 41 punti e 6 triple a bersaglio, Gobert gioca nonostante i problemi alla schiena e chiude con 19 punti e 8 rimbalzi e Mike Conley ci mette 14 punti con 7 assist, e il canestro che con 5 minuti ancora da giocare tiene Minnesota a un possesso di distanza.

Gara 2 prende però la direzione, questa volta definitiva, di Denver subito dopo. I Nuggets con Jokic, Aaron Gordon, Porter Jr e Murray mettono assieme un parziale da 15-4 e risolvono la partita, a mettere l’ultyimo tassello è ancora Jamal Murray con la tripla del 118-109 in step back a 1:47 dal termine

Per Karl-Anthony Towns una gara 2 da dimenticare, con 10 punti 12 rimbalzi ma 3 su 12 al tiro e 5 palle perse.

Abbiamo giocato 8 quarti in totale nella serie, 7 di questi sono stati grandiosi, ne abbiamo avuto solo uno brutto ma abbiamo risposto e trovato il modo di rimediare“, così coach Michael Malone dopo la partita. Jamal Murray si gode le sensazioni di una grande vittoria in casa ai playoffs, che per lui mancavano da anni dopo la stagione 2021-22 persa per infortunio e dopo aver saltato sempre per lo stesso problema i playoffs 2021, l’ultima post-season giocata risale a quella del 2020 a Orlando, nella “bolla” di Disney World.

Il nostro pubblico è bellissimo, io ho impiegato tanto tempo per tornare a questi livelli, tanti dubbi e incognite, tante paure. E’ stato bello. Sapevo che per me questa sarebbe stata una stagione di alti e bassi ma la direzione è presa“.

Murray ci ha lasciato un pezzo di sé oggi in campo“, ancora coach Malone “per 39 minuti il suo impatto è stato ovunque, una prova di carattere e cuore“.

You may also like

Lascia un commento