fbpx
Home NBANBA News Ingram e i Pelicans furiosi per il mancato fischio nel finale contro i Jazz: “Niente fallo?”

Ingram e i Pelicans furiosi per il mancato fischio nel finale contro i Jazz: “Niente fallo?”

di Michele Gibin

New Orleans Pelicans furiosi con gli arbitri nel finale della partita casalinga contro gli Utah Jazz, per un fallo non chiamato su Brandon Ingram nell’azione del possibile pareggio allo scadere.

Allo Smoothie Kings Center di New Orleans, Jazz-Pelicans termina 128-126 per Utah, che resiste alla rimonta dei padroni di casa e con un tiro dalla media distanza di Donovan Mitchell si porta sul +2 ad un minuto dal termine. La partita non si schioda dal vantaggio Jazz, Ingram cattura il rimbalzo dopo un errore di Bojan Bogdanovic ed attacca il canestro con il cronometro della partita che va verso lo zero, ma viene fermato da Rudy Gobert proprio sulla sirena.

Partita finita e vittoria Jazz, con gli arbitri che tramite instant replay confermano il risultato finale. Un verdetto che scatena la rabbia dei Pelicans, che denunciano la scarsa presenza degli arbitri durante l’ultima azione: subito dopo il rimbalzo di Ingram, sia coach Gentry che Lonzo Ball e JJ Redick avevano chiesto un timeout, non visti dalla terna arbitrale. Senza il timeout, Ingram aveva poi tentato il pareggio sulla sirena, subendo il fallo di Gobert.

Con il tempo scaduto, il regolamento proibisce agli arbitri di giudicare retroattivamente una giocata in campo, anche tramite instant replay, ne Alvin Gentry avrebbe potuto usare il coach challenge su un mancato fischio arbitrale. “Era fallo, senza dubbio” Spiega Ingram “Mi ha colpito, ma gli arbitri hanno visto un’altra cosa, possiamo farci poco“, dopo la gara Kane Fitzgerald, capo arbitro della terna, ha spiegato come il ricorso all’instant replay fosse servito ad escludere malfunzionamenti del cronometro.

Sarebbero dovuti essere due tiri liberi per noiLonzo Ball è di un’altra idea “E invece niente, partita finita e stop“.

Dopo la fine della partita i tre arbitri sono stati addirittura scortati fuori dall’arena, e sommersi dai fischi del pubblico di New Orleans “aizzato” dai replay della giocata finale mostrati sul mega schermo dell’impianto.

Pelicans che possono consolarsi con i 35 punti con 8 rimbalzi di Brandon Ingram, e con un’altra buona prova di Lonzo ball, autore di 21 punti con 8 rimbalzi e 7 assist, con 4 su 6 al tiro da tre punti. Nelle ultime 10 partite disputate, Ball sta viaggiando ad oltre 15 punti di media, con il 40% al tiro dalla lunga distanza.

Per i Jazz (24-12), giunti alla sesta vittoria consecutiva, singolare partita da 35 punti ma “zero” in rimbalzi, assist e palle perse e recuperate per Bogdanovic.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi