fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Coach Calipari contro la G-League: “Molti giovani si illuderanno”

Coach Calipari contro la G-League: “Molti giovani si illuderanno”

di Francesco Schinea

John Calipari non sembrerebbe particolarmente entusiasta riguardo il nuovo progetto della G-League. L’intento della lega di sviluppo della NBA è di mettere sotto contratto, in una squadra con sede in California, i migliori prospetti che decidono di saltare l’università.

Nel corso del programma “Coffee with Cal”, Calipari ha messo in evidenza le possibili ripercussioni sui ragazzi e sui college.

“La mia preoccupazione per la scelta della G League di attirare i giovani offrendo loro più soldi, non è per quei ragazzi che stanno reclutando, ma per tutti quelli di 14 o 15 anni che si chiedono come arrivarci. Sappiamo bene che non saranno pochi, ma saranno migliaia e migliaia”.

I problemi alla base del piano della G-League sono dunque, stando a Calipari, di tipo educativo. Il coach dei Kentucky Wildcats sottolinea come diversi giocatori, illusi dalla possibilità di poter agevolmente entrare nella lega di sviluppo, potrebbero sacrificare l’istruzione per la pallacanestro, per poi comprendere solo in un secondo momento di non essere all’altezza del mondo G-League. Se questo aspetto potrà essere inizialmente tenuto sotto controllo, rischia di illudere molti giovani nel caso in cui diventasse un’abitudine.

G-League, anche Daishen Nix nel nuovo team della California

Nel frattempo il Commissioner G-League Shareef Abdur-Rahim continua ad ottenere il consenso di diversi giocatori liceali. L’ultimo in ordine di tempo, dopo Jalen Green e Isaiah Todd, è Daishen Nix.

Precedentemente iscritto a UCLA, anche Nix ha deciso di saltare il percorso universitario e dedicarsi interamente alla preparazione per l’ingresso in NBA nel 2021. La point-guard, considerata tra i migliori prospetti nelle high school, ha spiegato la propria scelta al Los Angeles Times.

“Penso che sia stata la cosa giusta da fare. Giocare in G-League mi preparerà sostanzialmente per il draft NBA. È l’ultimo passo prima della NBA”

Come riportato da Shams Charania, Nix percepirà all’incirca 300 mila dollari, più dei 250 mila di Todd ma ovviamente una cifra ben inferiore ai 500 mila di Green.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi