fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Kings, Harrison Barnes si assume la colpa per le sconfitte: “La responsabilità è di noi veterani”

Kings, Harrison Barnes si assume la colpa per le sconfitte: “La responsabilità è di noi veterani”

di Gabriele Melina

I Sacramento Kings sono stati protagonisti, nel corso di questa ripresa NBA, di una serie di sconfitte che hanno portato al loro progressivo allontanamento dalla zona playoffs. Al momento tredicesimi e terzultimi ad ovest, i ragazzi di coach Luke Walton hanno dimostrato di mancare ancora di continuità, compattezza, e gioco di squadra, elementi cruciali da avere dalla propria parte se si vuole affrontare un percorso tortuoso come quello della corsa al titolo.

I Kings hanno aperto le danze con una sola vittoria su cinque incontri, ovvero quella dello scorso sei agosto contro i New Orleans Pelicans. Le restanti avversarie sfidate fino ad ora, cioè San Antonio Spurs, Orlando Magic, Dallas Mavericks, e Brooklyn Nets, hanno tutte avuto vita abbastanza facile contro Sacramento. Tali risultati hanno sicuramente fatto aumentare il livello di frustrazione all’interno dello spogliatoio, altro aspetto da attenuare immediatamente se non si vogliono creare maggiori danni con una ricaduta a lungo termine.

Poco meno di una settimana fa’, lo stesso coach Walton aveva affidato la colpa di tali insuccessi alla prima sconfitta: una sconfitta che avrebbe influenzato negativamente il morale dei giocatori, compromettendo di conseguenza le future prestazioni dei suoi ragazzi. Ad oggi, però, il tabellino finale recita ancora e nella maggior parte dei casi Kings in svantaggio, ed il primo match che avrebbe originariamente danneggiato l’affiatamento di squadra dovrebbe oramai essere un ricordo lontano e remoto.

Secondo quanto riportato recentemente dall’ala Harrison Barnes, la colpa non sarebbe da affidare ai primi insuccessi, ma piuttosto alla scarsa presenza dei veterani(tra i quali Barnes si è identificato, ndr), i quali hanno portato troppa poca esperienza alla squadra.

Harrison Barnes: “Sono il primo a dire che la colpa è di noi veterani”

E’ giovedì, ed i Kings scendono in campo con una prestazione eccellente che consente loro un vantaggio di quindici lunghezze contro i Pelicans, una vittoria facile questa. E’ venerdì, ed i Kings scendono in campo contro i Brooklyn Nets, quest’ultimi privati della maggior parte dei loro più grandi realizzatori stagionali. Il risultato? Meno tredici al quarantottesimo minuto, i newyorchesi si assicurano un posto nella corsa al titolo.

Sacramento possiede senza dubbio giovani di talento con un potenziale notevole, tuttavia, la continuità nel gioco del basket è cosi importante a tal punto che senza di essa è difficile sperare in una serie sostanziosa di successi. L’ala campione nel 2015 con i Golden State Warriors ha voluto evidenziare proprio questo deficit in squadra:”Bisogna giocare insieme e di squadra, bisogna giocare sempre con la stessa alta energia, serata dopo serata. E’ davvero difficile sperare di vincere in questa lega senza essere presenti mentalmente ad ogni incontro“.

Il ventottenne ha voluto, inoltre, affidare le eventuali colpe ai veterani che hanno mancato di esperienza e consigli in queste situazioni poco confortevoli. “Sono il primo a dire che la colpa è di noi veterani. Mi prendo le responsabilità perché sono stato ai playoffs, sono stato in finale, e conosco l’energia e l’impegno di cui una squadra ha bisogno per raggiungere questi obiettivi”.

Come gruppo, bisognerà comprendere che queste due componenti non si attivano magicamente con un pulsante, ma, piuttosto, richiedono tanta concentrazione“, ha aggiunto Barnes.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi