Klay Thompson: "Crisi? No, so cosa devo fare, non ho bisogno di consigli"
127774
post-template-default,single,single-post,postid-127774,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Warriors, Klay Thompson ostenta fiducia: “Crisi? So cosa devo fare, non ho bisogno di consigli”

Warriors, Klay Thompson ostenta fiducia: “Crisi? So cosa devo fare, non ho bisogno di consigli”

Warriors, Klay Thompson non vuole sentire parlare di crisi: “Shooting slump? Non so e non mi interessa molto, siamo primi”.

Sulle difficoltà al tiro di Klay Thompson n questa prima metà di stagione si è espresso recentemente anche coach Steve Kerr, che all’indomani della sconfitta casalinga contro dei Los Angeles Lakers privi (nel secondo tempo) di LeBron James, ha parlato di “crisi” offensiva della squadra, e del prodotto di Washington State.

Il figlio di Mychal ostenta fiducia e tranquillità d’animo, nonstante tutto. La stagione 2018\19 è sinora nettamente la peggiore stagione al tiro da tre punti per Klay, che viaggia al momento con un modesto 33% da dietro l’arco. Cifre alla mano, Thompson risulta coinvolto come mai prima d’ora nell’attacco Warriors (21 punti a gara, 18.7 conclusioni tentate a partita – career high).

Nelle ultime 5 partite dei Golden State Warriors, 4 su 22 è il computo totale per Klay dalla lunga distanza. Abbastanza per parlare di crisi, di shooting slump?

Niente affatto, almeno per il diretto interessato, come riportato da Mark Medina di LA Times e Mercury News.

Klay Thompson: “Cosa penso di fare? Segnare di più. Siamo primi ad Ovest in ogni caso”

 

Nella notte tra giovedì e venerdì, i Golden State Warriors sfideranno alla Oracle Arena i Portland Trail Blazers di Damian Lillard. Il consueto shotaround mattutino è stata l’occasione per i reporter di chiedere a Thompson una valutazione sul suo periodo di scarsa vena offensiva.

“I problemi al tiro? Mi importano fino ad un certo punto, io gioco per la squadra ed ora siamo primi ad Ovest, conta questo. Devo segnare di più, questo è chiaro, non credo ci sia molto da dire. Shooting slump, crisi… come volete, non m’importa molto. Pallone ed attacco per noi ora girano meglio, i tanti infortuni ci hanno tolto ritmo quasi subito dpo un grande inizio ma possiamo e dobbiamo fare ancora meglio. KD (Kevin Durant, ndr) e Steph Curry dicono di avere fiducia in me? (Ride e scrolla le spalle, ndr) Lo spero bene! D’altronde, da chi altri potrei accettare suggerimenti su cosa migliorare, e dove? Al tiro ho fatto cose che nessun altro ha mai fatto in carriera, quindi a meno che i suggerimenti non arrivino da Reggie Miller, o da Ray Allen, non saprei proprio a chi altri dover dare retta. Forse a Larry Bird, o a Steve (Kerr, ndr). Lui tirava col 45%. Scherzi a parte, ho tutta l’esperienza che mi serve, so cosa devo fare, ovvero giocare. Giocare libero e non esitare, e tutto andrà a posto da solo

– Klay Thompson sulle recenti difficoltà offensive –

 

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment