Knicks impressionati dal gioco di Cameron Reddish, chi sceglieranno?
138449
post-template-default,single,single-post,postid-138449,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Knicks impressionati dal gioco di Cameron Reddish, chi sceglieranno?

Knicks impressionati dal gioco di Cameron Reddish, chi sceglieranno?

Sta per arrivare il tanto atteso Draft NBA e ancora non è ben chiara l’idea dei New York Knicks in merito alla scelta alla quale andranno incontro. I Knicks hanno il 14% di possibilità di ottenere la prima assoluta nella Draft lottery del prossimo 14 Maggio. Non è ormai affatto un segreto che la franchigia, in caso di prima scelta, sarebbe fortemente orientata verso il selezionare il prospetto di Duke, Zion Williamson. Tuttavia, secondo Ian Begley di SNY.tv, gli osservatori della squadra sarebbero rimasti impressionati dal gioco di Cameron Reddish.

Ciò non significa che i Knicks lo selezioneranno di sicuro, ma ritengono che sicuramente sarà capace di adattarsi in fretta alla NBA. E, in caso ottenessero una scelta diversa dalla numero 1, potrebbero sorprendere più di qualcuno pescando l’ex ala piccola di Duke ad una scelta più alta di quella prevista per lui da diversi “Mock Draft”, ovvero dalle previsioni degli esperti in materia.

Per adesso abbiamo solamente una certezza, ovvero che i Knicks non possano scendere più in basso della scelta numero 5, con il 40% di possibilità di scegliere con una delle prime 3. Ad oggi si suppone che i nomi che verranno chiamati per primi saranno quelli di Zion Williamson, Ja Morant e R.J. Barrett, ma come le edizioni passate insegnano, nella notte delle scelte può succedere di tutto.

Trade time? La scelta potrebbe non vestire la maglia dei Knicks, Reddish o meno

Non è comunque detto che la scelta di New York calcherà poi il parquet del Madison Square Garden da padrone di casa durante la stagione. Questa scelta potrebbe essere infatti utilizzata come oggetto di scambio in caso di arrivo di un free-agent del calibro di Kevin Durant. Destino che toccò, ad esempio, ad Andrew Wiggins, selezionato dai Cleveland Cavaliers con il primo pick del Draft 2014 e utilizzato per portare Kevin Love alla corte di LeBron James. Stesso trattamento che ricevette a suo tempo Kobe Bryant, scelto dagli Charlotte Hornets con la numero 13 e poi spedito a Los Angeles, sponda Lakers,  o che i Boston Celtics riservarono a Jeff Green, scelta numero 7 scambiata per ottenere Ray Allen dai defunti Seattle SuperSonics.

C’è quindi la possibilità che i Knicks scambino la loro prima scelta per ottenere un campione già consolidato o una superstar. Non ci sono però delle notizie che confermino quest’idea da parte del front office di New York, che potrebbe invece decidere di non scambiare la prima scelta.

Gian Paolo Demuru
gianpaolo.demuru@gmail.com
No Comments

Post A Comment