Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsCleveland Cavaliers LeBron James: “Il piano in gara 7? Raddoppi su di me, in modo che potessi fare assist”

LeBron James: “Il piano in gara 7? Raddoppi su di me, in modo che potessi fare assist”

di Marco Tarantino

LeBron James ha alzato ancora l’asticella, come se ci fosse ancora bisogno: il Re in gara 7 ha trascinato la squadra, prestazione a dir poco determinata, determinante. Coadiuvato da Tristan Thompson, nel primo quarto un fattore autentico a rimbalzo, e Kevin Love, autore di qualche canestro finalmente decisivo, il Prescelto ha eliminato i Pacers ed ancora una volta Lance Stephenson dai playoffs.

105-111 il punteggio in favore dei Cavaliers, con LeBron James autore di una prestazione da:

  • 45 punti
  • 15-25 dal campo
  • 2-3 da tre
  • 9 rimbalzi
  • 7 assist
  • 4 palle rubate

LeBron James analizza la serie Cavaliers-Pacers

Il quattro volte MVP ha parlato dopo la sfida a Dave McMenami di ESPN: “Ho dovuto fare quello che ho dovuto fare per aiutare il team a vincere. Solo questo conta. Io amo essere efficiente, so che viaggio a 42 di media nelle vittorie. Tranne in gara 6 in cui ho tirato 7 su 16 dal campo, sono stato sempre prolifico per la squadra in tutta la serie, in tutte e 6 le restanti gare. Ho provato a togliere certezze alla loro difesa, a farli arrivare su di me per poi scaricare. Mi hanno raddoppiato, infatti, mi hanno intrappolato, proprio come volevo, per poter scaricare la palla ai miei compagni posizionati al posto giusto. ”

Un altro dei fattori in gara 7 è stato sicuramente Tristan Thompson come abbiamo visto: il giocatore canadese che era stato in campo solo 23 minuti nelle prime 6 gare, ha realizzato una doppia doppia decisiva con 15 punti e 10 rimbalzi e come detto l’apporto di Kevin Love è stato decisivo allo stesso modo. Non bene ad inizio gara, si è ripreso quando serviva ed il Re ha tirato un sospiro di sollievo. Triple decisive nei periodi critici in cui la gara era tornata in bilico, 14 punti totali. Anche nel reparto guardie bene l’ex di turno, George Hill con 11 punti come JR Smith anche lui 11 punti.

Cavaliers-Raptors in arrivo: si gioca in Canada

In gara 1 contro i Raptors ci sarà una atmosfera molto calda: i Toronto Raptors hanno superato i Washington Wizards per 4-2 nel primo turno di playoffs, hanno una panchina molto più performante dei quella dei Cavaliers, numeri alla mano, ed hanno finalmente il giusto entusiasmo anche durante i playoffs dopo una stagione da prima della classe ad est. Certo servirà in primis giocare di squadra per avere chance di superare il Re, e Casey è avvisato: Tristan Thompson, canadese, è tornato. Per questo motivo servirà una presenza a rimbalzo difensiva ed offensiva importante con Ibaka e Valanciunas chiamati agli straordinari, oltre ovviamente a Kevin Love, che non è sembrato sempre continuo ma che può segnare da fuori l’arco dei tre punti, ed ovviamente LeBron James, l’ago della bilancia. Come fermarlo? Non si può, si può solo limitare la sua efficacia, i Warriors insegnano. Lasciargli anche punti, ma mai canestri facili, rendergli impossibili giocate che rende possibili. Difesa asfissiante e costante. Raddoppi quando necessario, con una copertura costante con le rotazioni anche dei tiratori da tre che non sono sembrati sempre efficienti.

Fermare il Re, limitarlo, per poi provare a vincere gara 1, una sfida fondamentale per capire la reale forza dei Raptors e della squadra di King LeBron James.

LEGGI ANCHE: 

VICTOR OLADIPO L’UOMO DELLA PROVVIDENZA PER I PACERS?

NBA PLAYOFFS IL MOMENTO DI FARE SUL SERIO E’ ARRIVATO 

NBA STREAMING: METODI DISPONIBILI

BRANDON INGRAM, L’UOMO DEL FUTURO DEI LAKERS

NBA JERSEY, LA 8 E LA 24 DI KOBE

 

You may also like

Lascia un commento